Rassegna Stampa

Le grandi vendite unico rimedio per restare in alto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-01-2014 - Ore 08:36

|
Le grandi vendite unico rimedio per restare in alto

Anche la Juve è di fronte ad un bivio. Nella caccia a Paul Pogba adesso il Psg è in buona compagnia, visto che anche il Real Madrid e il Bayern Monaco stanno giocando le loro carte. Così l’idea di prolungare il contratto al centrocampista francese rischia di passare in secondo piano rispetto al rischio che in estate possa cambiar maglia.

La Juventus di Andrea Agnelli sta dimostrando con i fatti che il futuro è all’insegna delle ambizioni. E non è un mistero che gli investimenti degli ultimi anni rappresentino le fondamenta di un progetto di crescita. Anche per questo fa ancora più notizia che il club italiano più in vista, in piena corsa per il terzo scudetto consecutivo, si trovi nella condizione di dover cedere uno dei suoi giocatori più importanti. E di prospettiva. Certo, il club bianconero non vive questa situazione con atteggiamento remissivo, ma alla lunga è difficile credere che possa resistere alle tentazioni ed alle aspettative del giocatore, evidentemente distratto da proposte di super-ingaggio. I segnali sono chiari in tal senso, come l’intenzione di Andrea Agnelli di cercare di cogliere il meglio per le prospettive della propria società. E se dovesse esservi in estate il grande sacrificio, c’è da star certi che i bianconeri reinvestiranno l’eventuale maxi-incasso dalla cessione di Pogba. In attesa di leggere le prossime mosse, la cronaca di questi giorni non fa che confermare quel fenomeno che ormai da un po’ di anni sta impoverendo il nostro campionato.

Volta per volta è toccato al Milan rinunciare alle proprie stelle (Ibrahimovic e Thiago Silva gli ultimi), ma anche l’Inter ha seguito quest’onda con lo stesso Ibra nel 2009 e poi con Eto’o e Sneijder. E che dire del Napoli, costretto a lasciar andar via sia Lavezzi che Cavani. Oppure le fibrillazioni della Roma che ha appena fatto delle ingenti plusvalenze con le partenze di Marquinhos, Lamela e Osvaldo. Il panorama è troppo esteso per giudicare in maniera superficiale quest’andamento. Ormai il mercato ha decretato un declassamento che guarda caso è in linea con il calo del nostro sistema-calcio nel ranking Uefa. In un calcio sempre più ricco le potenzialità dei club sono chiaramente legate al loro fatturato. E nessuno può sfuggire a questa logica implacabile, anche l’emergente Juve che torna a far sognare i propri tifosi.

Del resto quando negli anni ‘90 spadroneggiavamo in Europa avevamo stabilmente quattro squadre ai nastri di partenza della Champions League, mentre ora il privilegio è concesso solo a due società, con una terza legata alla roulette dei preliminari. E senza quei proventi è dura lottare ad armi pari con le corazzate del continente. Per arginare questo drenaggio di risorse è allora indispensabile far ricorso agli introiti delle grandi vendite per tenere alto il livello delle proprie rose. E ciò impone un doloroso cambio di strategie.

In effetti gli ultimi esempi di Napoli e Roma sono virtuosi. E incoraggianti. E’ questa la sfida che ci attende a medio termine. In attesa che il nostro calcio compia (finalmente) quelle riforme strutturali necessarie per una crescita sinora frenata da troppi lacci e lacciuoli. Nel frattempo è indispensabile aguzzare l’ingegno e rassegnarsi all’idea che l’importexport è un male necessario.

Fonte: Gazzetta dello Sport - LAUDISA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom