Rassegna Stampa

Le scaramanzie della vigilia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-04-2013 - Ore 10:27

|
Le scaramanzie della vigilia

CORSPORT (G. D'UBALDO) - Il derby non è una partita come le altre. Si porta dietro tensioni e scaramanzie, rituali e inquietudini. Ogni allenatore che si è seduto sulla panchina della Roma ha gestito le vigilie della sfide con la Lazio cercando di mandare in campo i giocatori con la giusta carica. Guai responsabilizzare troppo la squadra, ma sarebbe controproducente anche cloroformizzare le ore dell’attesa. (...)

Gigi Radice invitava i giocatori a cantare sul pullman che andava verso lo stadio. C’era, secondo lui, un silenzio spettrale. Aspettava i giocatori all’uscita dello spogliatoio, prima di andare in campo. E gli batteva la mano sul petto. Giuseppe Ciarrapico pur di vincere un derby mise in palio un premio extra di venti milioni (delle vecchie lire) per ogni giocatore. (...)

Carlo Mazzone provava gli schemi con la formazione titolare schierata sul campo di allenamento senza avversari. Vietava ai giornalisti di vedere i suoi esperimenti e non tollerava se qualcuno si avventurava sulla collinetta. (...)

Zdenek Zeman preparava il derby nel silenzio totale. Non hai mai fatto niente di diverso rispetto alla preparazione delle altre partite. Tutto restava invariato. Fu il boemo il primo a introdurre il riscaldamento sotto la curva Sud, per caricare i giocatori, a stretto contatto con i tifosi. Usanza ripresa da Capello e Andreazzoli e che sarà rispettata domani. Oggi, durante il riscaldamento, Burdisso e Totti sono quelli che incitano di più i compagni.

Fabio Capello non voleva sentir volare una mosca sul pullman, nel tragitto per raggiungere lo stadio. Non voleva elementi di disturbo. Vietato l’uso dei telefonini. Prima della gara don Fabio mangiava caramelle al latte che gli forniva Giorgio Rossi.

Luciano Spalletti aveva usanze particolari. Piccole scaramanzie, che venivano rispettate meticolosamente, per una partita che sentiva tantissimo. Quando il pullman arrivava nelle vicinanze dello stadio, a via Candia, c’era un’anziana signora, vestita di giallorosso, che buttava manciate di sale e riso sul pullman, a scopo propiziatorio. Sempre da quelle parti, in via Angelo Emo, un ristoratore tifosissimo della Roma lanciava anche lui il sale porta fortuna verso il pullman della squadra. (...)

Claudio Ranieri invece ha vinto tutti i derby che ha disputato. Sentiva molto la stracittadina e per scaramanzia nel riscaldamento contava i tocchi dei suoi calciatori senza far cadere il pallone. Se superavano un certo numero le sensazioni per l’imminente partita erano positive. (...)

I giocatori romani di solito dormono poco alla vigilia della sfida contro la Lazio. Capitava a Petruzzi e Di Biagio (che facevano su e giù sul corridoio davanti alle camere della foresteria di Trigoria) e prima ancora a Bruno Conti. Anche Daniele De Rossi fatica a prendere sonno. Francesco Totti era come loro all’inizio della carriera, forse anche peggio. Ma ha fatto progressi con il trascorrere degli anni. (...)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom