Rassegna Stampa

Limiti individuali e di addestramento La difesa va a picco

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-11-2015 - Ore 07:56

|
Limiti individuali e di addestramento La difesa va a picco

GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI - Trentuno gol in 18 partite, alla media di 1,72 subiti a gara. Se non sono numeri imbarazzanti, quantomeno preoccupano. E sono il sintomo di un malessere sempre più evidente, di una difesa che non ha ancora trovato stabilità. Ci riuscirà mai? Perché sarà pure impossibile ricreare una «cerniera» stile Castan-Bentaia, ma se si pensa che la Roma nei due precedenti campionati ha sempre chiuso con la seconda miglior retroguardia, allora qualche domanda è giusto porsela. 
I PROBLEMI Detto che la fase difensiva di una squadra coinvolge anche gli altri reparti, il problema della difesa della Roma è che manca di amalgama tra i giocatori e di addestramento nelle diverse situazioni tattiche. I quattro lavorano più individualmente che di reparto, spesso fanno movimenti diversi tra loro, i tempi del fuorigioco non sono certo sincronismi perfetti. A Barcellona, ad esempio, gli esterni sono stati fatti a fette dai tagli laterali dietro la difesa dei giocatori del Barcellona. Gli opposti blaugrana lavoravano sui tempi e sugli inserimenti, gli esterni giallorossi faticavano con le diagonali. E la difesa alta, a fronte di un pressing nullo sul portatore di palla, ha prodotto un patatrac. Il problema, però, è che certi difetti la Roma li palesa sempre. Come pure i limiti individuali: Rüdiger ha dimostrato di non essere all’altezza, Torosidis non è il «terzino affidabile» che dipinge Sabatini, Maicon è l’ologramma di quel che fu e Digne è distrutto dalla fatica. 
via castan? Così, pensare di non intervenire a gennaio sul mercato è utopia. Detto che Castan sta seriamente pensando di andar via, a Barcellona la dirigenza giallorossa è tornata a parlare con Braida di Adriano, inseguito a lungo. In mezzo il sogno resta Benatia, che ieri ha retwittato sia un tifoso che gli chiedeva di tornare sia un altro che lo implorava di restare a Monaco: la Roma lo vorrebbe in prestito (magari con un’opzione del Bayern su Manolas). La possibilità più reale è legata ad Heurtaux, francese dell’Udinese. Nel frattempo, sta a Garcia fermare l’emorragia. 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom