Rassegna Stampa

Ljajic si gode il riscatto: "Non ascolto mai le critiche"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-09-2014 - Ore 07:45

|
Ljajic si gode il riscatto:

Roma in salsa slava al Tardini. Ljajic e Pjanic fanno la differenza in due punti cruciali della partita, garantendo i tre punti che tengono aperto il duello ai piani alti della classifica. Il serbo si riscatta dopo la prestazione sottotono di Empoli e i poco incisivi scampoli di gara tra Fiorentina e Cagliari, mostrando una piccola parte di un talento in cui a Trigoria credono fortemente. I fischi dell’Olimpico sono già un lontano ricordo, ma per trasformarli in applausi dovrà sudare e segnare ancora parecchio.

Parte del merito del gol al Parma va al suo capitano: «È facile giocare con Totti perché vede ogni nostro movimento e dà sempre una palla giusta». Ljajic ci ha messo del suo. Garcia gli ha dato il 200% di fiducia e lui ha ricambiato subito: «Ringrazio il mister per le belle parole. Mi alleno sempre al cento per cento e provo a dare il massimo. Ma non importa chi gioca, importa che la Roma vinca. Vogliamo fare bene su tre fronti e sappiamo di essere tutti utili: siamo tanti davanti e tutti forti, ma ci sarà posto per ognuno di noi. Questo è un gruppo incredibile, ecco perché facciamo grandi risultati e giochiamo bene».

Alle critiche Ljajic non bada: «Parlano tanto di me, se vogliono possono continuare. Ognuno dice quello che pensa, io vado avanti per la mia strada». Con la voglia nascosta di far ricredere tutti. Dopo il gol lo sguardo è andato al cielo, le ginocchia sul campo e dall’altra parte c’era Garcia ad indicarlo, come a dirgli che era destino: «Te l’avevo detto, te l’avevo detto», la frase di Rudi diretta ad Adem.

La scena se l’è poi rubata Pjanic, che all’88’ ha incantato tutti con una punizione gioiello: «Mire è un fenomeno – si complimenta Ljajic – e in campo fa cose incredibili. Non è strano per noi vederlo fare queste cose. Questa è una vittoria importante, il campionato è lungo e la Juventus è la favorita, ma giochiamo partita per partita, poi vediamo».

Con piedi così prelibati è più facile sperare che la lotta stavolta la vinca la Roma: «Noi vogliamo dare fastidio alla Juventus, abbiamo forza collettiva e non molliamo mai. È sempre bello vincere», ha detto Pjanic dopo la meraviglia da tre punti. Il bosniaco si è caricato di responsabilità dopo un consulto con Manolas: «Gli ho chiesto come calciava Cholevas, mi ha detto “ogni tanto fa gol”, ma io me la sentivo. Alla fine è andata bene, è la mia specialità». Lo chiamano «Giotto» per un motivo.

Fonte: IL TEMPO - MENGHI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom