Rassegna Stampa

Lo stile selvaggio dello Stadium

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-10-2014 - Ore 08:38

|
Lo stile selvaggio dello Stadium

Questione di stile, anzi di stelle. Controverse le 3 che prima dello scorso maggio apparivano sugli spalti dello Juventus Stadium, immeritate le 5 che la Uefa gli ha tributato definendolo il miglior stadio d’Italia.

Resta il fatto che nella convulsa serata di ieri, si sono registrati una serie di episodi censurabili, in campo e sulle tribune. Partendo con ordine, il nervosismo creato dalla rivalità storica tra Juventus e Roma ha registrato i primi segnali pericolosi proprio intorno allo spazio riservato alla panchina giallorossa, in cui erano ospitati anche gli infortunati partiti da Trigoria per stare accanto alla squadra. Come in ogni grande impianto europeo che si rispetti, il pubblico della tribuna si trova a pochi passi da giocatori, staff e dirigenti. Una distanza troppo esigua per De Rossi, saltato in piedi al momento del rigore siglato da Totti. Una sorta di liberazione rivolta verso un tifoso bianconero concentrato per più di 15 minuti nell’insultare Ljajic in modo pesante e volgare (definito irripetibile). Gli steward presenti nel settore sono intervenuti per cercare di calmare gli animi, in più di un’occasione senza grossi risultati. Sono arrivati in ritardo per esempio quando un altro sostenitore si è avvicinato al palchetto romanista colpendo con uno schiaffo sulla testa il preparatore dei portieri Guido Nanni, scatenando un parapiglia.

Tensione alle stelle. Rocchi fischia l’inesistente rigore per fallo di mano di Maicon, Garcia sorride, sbraita e mima il gesto di chi sta suonando un violino. Allontanato dal campo dal solerte direttore di gara, per il tecnico francese si prospetta ora un turno di stop. Andrà sicuramente peggio a Morata e Manolas (e Holebas si è fermato per un problema muscolare da valutare), espulsi entrambi per comportamento violento dopo un’entrata pericolosa dello spagnolo. Spinta reciproca e tentativo di testata da parte del greco, che ora rischia anche 3 giornate di fronte al Giudice.Episodio che ha scatenato l’intervento delle due panchine e di Allegri, il primo a gettarsi tra i litiganti per dividerli. Al fischio finale da segnalare un tentativo da parte di 3 tifosi nello scavalcare il vetro di separazione dal tunnel degli spogliatoi eparecchi sputi rivolti a due membri dell’ufficio stampa romanista.

Problemi anche fuori dallo stadio. Un tifoso romanista di 26 anni è stato arrestato e altri tre romani sono stati denunciati dalla polizia a Torino, prima della parita: sono stati trovati in possesso di materiale pirotecnico.

Fonte: il tempo (A. Serafini)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom