Rassegna Stampa

L’ora di Strootman

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-12-2014 - Ore 09:24

|
L’ora di Strootman

Ha lasciato spento il telefono a lungo. Il mercato si farà ma senza esagerare con il numero di operazioni, un po’ perché senza Champions i fondi a disposizione sono ridotti, un po’ per la convinzione di avere già costruito una rosa capace di arrivare al traguardo della stagione provando a vincere qualcosa.Walter Sabatini, l’uomo col cellulare insolitamente spento, non ha smanie di acquisti, per una volta. Comprerà un centrale difensivo, probabilmente Chiriches in prestito con l’ok di Baldini, e sempre al Tottenham contenderà il baby argentino Ponce del Newell’s, l’acquisto in prospettiva. E in questo caso l’amico «londinese» Franco non c’entra. Il resto dipende dalle cessioni: un terzino arriva solo se va via Cole, la probabile partenza di Emanuelson (Genoa), Borriello (America o Parma), e dei giovani Uçan e Sanabria non va coperta, secondo la società e Garcia, con dei sostituti.

I «colpi» veri la Roma è convinta di averli in casa. Giocatori che hanno una voglia enorme di tornare a sentirsi campioni. Chi? Strootman e Iturbe, naturalmente. L’olandese sta trascorrendo le vacanze natalizie a Dubai, come l’anno scorso, insieme alla fidanzata Thara, qualche amico, il compagno di oggi Emanuelson e quelli di ieri Benatia e Dodò.

Sì, c’è anche il marocchino a godersi il sole e il comfort degli Emirati Arabi, lui che aveva legato molto con Kevin e altri «senatori» giallorossi, a tal punto da immalinconirsi un po’ nei primi mesi vissuti a Monaco nonostante ora giochi per la squadra che può portarlo a vincere la Champions. Tra nuotate e cene, Strootman si sta anche allenando seguendo il programma che gli hanno consegnato i preparatori della Roma. Alla ripresa (domani ripartono gli allenamenti, il 6 gennaio si va a Udine) conta di aumentare finalmente il minutaggio, anche perché saranno passati ormai 10 mesi dall’infortunio e l’operazione al ginocchio. Un «acquisto» quanto mai utile, visto che Keita salterà diverse partite per giocare la Coppa d’Africa con Gervinho. Il Mali lo ha convocato per il 5 a Parigi, il giorno dopo partenza per il Gabon: Udinese-Roma si gioca alle 12.30, il club spera di poterlo schierare e sta trattando sia per Keita che per Gervinho con le nazionali.

 

Intanto sono attesi a Trigoria il 30, idem i sudamericani. Iturbe ha ricaricato le pile in Argentina con la famiglia, Garcia lo aspetta pimpante: senza Gervinho lo spazio aumenterà.Servirà invece più tempo a Castan per tornare a disposizione di Rudi. La società lo lascerà riposarsi in Brasile fino a metà gennaio, poi la lenta ripresa dell’attività, considerando che al momento il difensore è piuttosto «rigido» e non può ancora effettuare movimenti repentini. Normali e prevedibili effetti di un intervento così delicato.

Fonte: Il Tempo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom