Rassegna Stampa

Lotito sostiene il «collega»: "Ma io ho iniziato prima"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-04-2015 - Ore 08:44

|
Lotito sostiene il «collega»:

 Un convegno sulla violenza nel mondo del calcio, un incontro dal nome «Vivere lo stadio: una passione a rischio?», è andato in scena ieri mattina all’università La Sapienza di Roma. Non poteva mancare Lotito - contestato da alcuni studenti al momento della presentazione - il patron biancoceleste ha sposato le parole di Pallotta rilasciate in settimana: «Fa bene a prendere posizione contro gli ultrà. Ha ragione come ho ragione io da dieci anni. Occorre distinguere però i delinquenti dai tifosi. Serve coraggio e una separazione netta, questa gente va trattata con il codice penale». D’accordo Alessandro Pansa, capo della Polizia: «Il presidente della Roma ha lanciato un segnale positivo. Il mondo del calcio deve capire da che parte stare: se dalla parte della legalità o meno. Se analizziamo il contesto ultras scopriamo che è molto simile a quello delle associazioni del crimine».

Presenti anche gli allenatore di Lazio e Roma. Il francese Rudi Garcia ha parlato da "straniero": «Quando si ama una squadra bisogna supportarla soprattutto nei momenti più complicati. Il calcio italiano per me è una scoperta, mi auguro solo che i genitori a casa non debbano più chiedersi se portare allo stadio i propri figli. Sono rimasto molto sorpreso nel vedere che bisogna registrare i biglietti con nome, cognome e data di nascita: a cosa serve se poi non si riesce a individuare chi sbaglia?».

Fonte: IL TEMPO (G. CHERUBINI)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom