Rassegna Stampa

Lucio: «Se resto devo competere per lo scudetto»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-03-2016 - Ore 07:50

|
Lucio: «Se resto devo competere per lo scudetto»

MESSAGGERO - «La Roma si è riappropriata della sua qualità, che già possedeva, che aveva dentro». Così Luciano Spalletti ha spiegato, ai microfoni di ”Radio anch'io lo sport”, la recente striscia positiva di risultati. Il tecnico ha spiegato di lavorare «sulla fiducia e sul dialogo con i giocatori, provando a organizzare le cose: così si innesta un meccanismo di fiducia e si prende consapevolezza delle nostre possibilità. E con un pò di fortuna si riesce a vincere. A Roma ci sono tutte le qualità per lavorare bene. C'è tutto, abbiamo il privilegio di vivere in una città bellissima, in un club bellissimo. Dobbiamo avere la responsabilità di quelli che hanno questo grande privilegio e provare a imporre il nostro stile, il nostro modo. Dobbiamo creare una strada nuova, dove tutti si vede l'obbiettivo e tutti possano riconoscere il modo di fare per ragiungerlo». Spalletti ha aggiunto che «quando si fanno due o tre risultati positivi però si rischia di perdere quella solidità mentale che ancora non abbiamo. Qual è la differenza fra un vincitore e un ipotetico vincitore? Vincitore è quello che riesce a mantenere ordine nella testa, sapendo che il giorno dopo che hai vinto una partita ci sono molte più insidie del giorno prima». 
L’ANNUNCIO«Se resto qui a Roma l'anno prossimo, voglio avere la possibilità di competere per lo scudetto. Voglio essere nel gruppo di squadre che hanno la possibilità di giocarsi lo scudetto. Poi magari non ci si riesce. Contro il filotto della Juve tipo quest'anno magari non puoi farci niente. Totti? Non interferirò in alcun modo con la storia del campione Totti con la Roma, fra di noi c'è stato solo un malinteso che è dispiaciuto a tutti e due. Ora tutto è a posto». «Spero che a Pallotta Francesco chieda quel che gli suggerisce il suo cuore, che spesso gli ha dato suggerimenti corretti per la sua storia di calciatore. Ma se ci sarà un confronto io sarò al fianco di Francesco». Poi, Sabatini. «Credo che sia uno dei più bravi del nostro calcio. Spero che continui a fare il suo lavoro nella Roma». Infine, El Shaarawy. «È un talento, ha tecnica e estro, insieme alla velocità. Ti ribalta l'azione da solo e la risolve. L'abbiamo visto anche sabato. Lui è un bravissimo ragazzo, semplice. A volte anche diverso da quel che sembrerebbe vedendolo. Poi però bisogna che continui a crescere di mentalità, di carattere nelle cose che fa, perché come tutti quelli che hanno estro e qualità, poi perdono qualche altra caratteristica che per il nostro calcio, e per quello nel quale giocherà Stefan, diventa importante».

Fonte: MESSAGGERO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom