Rassegna Stampa

Macalli si dimette dopo 18 anni ora il commissario

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-07-2015 - Ore 07:45

|
Macalli si dimette dopo 18 anni ora il commissario

REPUBBLICA - La lunga resistenza di Mario Macalli è cessata ieri pomeriggio: dopo 18 anni e mezzo, lascia la presidenza della Lega Pro. Si è dimesso ieri con tutto il direttivo: perde di diritto anche il posto di consigliere federale, non sarà più vicepresidente della Figc. Sopravvissuto alla sfiducia dell’assemblea (che due volte ha bocciato il bilancio) e all’inibizione fino a fine agosto per il caso Pergocrema, Macalli ha ceduto al pressing di Tavecchio che gli offriva un’uscita di scena dignitosa: la Federcalcio aveva già deciso di nominare, nel prossimo Consiglio di martedì, un commissario (un magistrato, un uomo super partes) per condurre la Lega Pro a nuove elezioni, da celebrare una volta completate le iscrizioni e i ripescaggi. Con le dimissioni, Macalli (decisivo nell’elezione di Tavecchio un anno fa) e il direttivo evitano la decadenza. «Col calcio ho chiuso - dice l’ormai ex presidente - . Volevo farlo prima, ho dei rimorsi. Se c’è la convinzione che qualcosa non quadra è meglio farsi da parte, ma non sono deluso. Ho fatto per tanti anni il mio lavoro, quasi ad esaurimento fisico. Non ho mai chinato la testa di fronte a nessuno. Non ho problemi di numeri, i problemi nascono quando si prendono ordini a pagamento».

Fonte: REPUBBLICA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom