Rassegna Stampa

Maicon fissa l’obiettivo: a Roma per il Mondiale

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-07-2013 - Ore 08:59

|
Maicon fissa l’obiettivo: a Roma per il Mondiale

La leggenda narra che i suoi genitori avrebbero voluto chiamarlo Michael Douglas in onore del famoso attore statunitense. Tuttavia a causa di un errore avvenuto all’anagrafe, venne registrato comeMaicon Douglas Sisenando. La vita del nuovo terzino destro della Roma potrebbe essere comunque la trama di un film. Oltre alla favola del bambino che sfonda nel calcio, il brasiliano era un centrocampista ma il padre gli consigliò di diventare un terzino. [...] 

LA GIORNATA
Occhiali scuri, maglietta nera e cappellino chiaro, l’esterno brasiliano è sbarcato nella capitale alle 6,40 di ieri mattina, accolto da una ventina di tifosi. Si è fermato per qualche foto, ha firmato autografi (ad un giapponese euforico addirittura sul portafogli), ed è poi salito sull’automobile che lo ha portato in hotel, lasciandosi scappare solo due parole:«Sono contento». In tarda mattina ha svolto la prima parte delle visite mediche al policlinico Gemelli dove nel reparto di medicina dello sport si è incrociato con Andrea Bargnani, da poco trasferitosi ai New York Knicks. Poi, la seconda parte dei controlli al Campus Bio Medico a Trigoria. Ha firmato un biennale da 3 milioni. Questa mattina è atteso in ritiro. 

SCETTICISMO E CURIOSITÀ
In città il suo arrivo è stato accolto con curiosità ma con altrettanto scetticismo. Sul valore tecnico del calciatore non si discute: il problema è che dal triplete interista (2010) Maicon è sparito. Nell’ultima stagione ha racimolato appena 9 presenze (di cui 4 da titolare) con il Manchester City di Mancini. Trentadue anni il prossimo 26 luglio, nel post-Cafu è stato per almeno 3-4 anni il più forte terzino destro del mondo. In carriera ha vinto molto: 8 scudetti e 2 coppe Italia, una coppa del Brasile, tre supercoppe italiane, una Champions, una coppa del Mondo per club, due coppe America e altrettante Confederation Cup. Manca il Mondiale,proprio uno dei motivi per i quali Maicon ha scelto la Roma. Il ct Scolari lo ammira ma ne ha perso le tracce. Non è l’unico.

Fonte: (Il Messaggero – S.Carina)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom