Rassegna Stampa

Maicon, ultima chiamata in campo o sarà divorzio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-03-2015 - Ore 09:20

|
Maicon, ultima chiamata in campo o sarà divorzio

L’ok da Barcellona, il ritorno in gruppo e l’augurio di rivedere finalmente il vero Maicon per lo sprint finale. Il mistero legato alle condizioni del ginocchio del brasiliano continua a tenere in ansia Garcia, ma la lunga sosta per le nazionali e il via libera del dottor Cugat (che ha curato il terzino coi fattori di crescita) potrebbero riconsegnare al tecnico uno dei leader in vista delle ultime “10 battaglie”. Lunedì Maicon è volato in Spagna per l’ultima visita di controllo alla cartilagine del ginocchio destro dopo quella di 10 giorni fa in cui Cugat aveva ordinato di aumentare gradualmente i carichi di lavoro. Dopo tanta palestra ora è pronto un programma di riatletizzazione per l’ex-interista, che contro il Napoli potrebbe rientrare tra i convocati anche se per rivederlo in campo bisognerà aspettare la trasferta di Torino del 12 aprile. Il ritorno del Colosso, terzo e (forse) ultimo atto di una stagione tormentata, chiacchierata e giocata a singhiozzo tra guai al ginocchio, trauma post mondiale (con tanto di cacciata dal ritiro brasiliano), voci di una condotta fuori dal campo non irreprensibile e un contratto che a giugno potrebbe essere rivisito col rischio di una risoluzione consensuale.

La Roma, infatti, non ha gradito l’atteggiamento del terzino che dopo il rinnovo ottenuto il 16 ottobre (a 2 milioni a stagione), ha visto crollare il proprio rendimento. Da quel giorno Maicon ha disputato 9 gare su 31. Solo un paio oltre la sufficienza. Il primo stop per il fastidio alla cartilagine è arrivato il 20 ottobre, alla vigilia del crollo col Bayern. Zoppicando tra una zolla e l’altra (e polemizzando con lo staff medico e atletico) il brasiliano sotto la guida di Chinnici ha retto fino al 3 febbraio con la Fiorentina. Due mesi dopo ci riprova e il suo ritorno sarà importante anche per lo spogliatoio («Quando parla lui ci mettiamo sull’attenti », disse Florenzi). In questi 10 giorni di pausa anche Totti svolgerà allenamenti personalizzati: 5 giorni di lavoro in acqua e fisioterapia per curare la fibrosi al flessore sinistro e da lunedì il rientro in gruppo. Sfrutteranno la sosta per tornare in forma anche De Rossi e Ibarbo, mentre Keita oggi sarà sottoposto agli esami strumentali al ginocchio sinistro (si teme lesione ai legamenti e stop di un mese).

Fonte: Leggo/F.Balzani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom