Rassegna Stampa

Malagò: ''Lotito valuti anche le regole non scritte''

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-09-2014 - Ore 08:34

|
Malagò: ''Lotito valuti anche le regole non scritte''

 Continua la polemica sulla presenza (ingombrante per qualcuno) del presidente della Lazio e consigliere federale Claudio Lotito al seguito della Nazionale. Ieri, anche il presidente del Coni, Giovanni Malagò, l’ha ”bacchettato”: «Lotito sa perfettamente che ci sono momenti in cui la natura della persona deve mettere da parte quelle che sono le legittime possibilità che nessuno mette in dubbio. Semplicemente ci sono cose non scritte che secondo me è importante che vengano prese in considerazione». 
Il consigliere federale è stato sotto i riflettori nelle trasferte degli Azzurri a Bari e ad Oslo, ripreso per certe sue “mise” o per l’eccessivo presenzialismo, anche se dal ct al capitano Buffon, con l’eccezione del romanista De Rossi, tutti gli hanno dato atto di aver rispettato dei «confini». 

LE RIFORME Prima della parole di Malagò, ci aveva pensato lo stesso Lotito ad alimentare la polemica sul suo ruolo: «La mia presenza al fianco della Nazionale, che peraltro ci tengo a ribadire, oltre ad essere prevista da regolamento, non ha mai assunto un carattere invasivo o inopportuno, vi sia chiaro e gattopardesco tentativo di lasciar tutto cosi com’è», ha affermato Lotito. Che ha poi aggiunto: «Ma le dietrologie non ci scalfiranno. La testa è tutta protesa al rinnovamento del sistema calcio in Italia, attuando quanto prima quelle riforme e quei cambiamenti che ormai sono diventati urgenti e improcrastinabili. È proprio per questo – conclude Lotito – che già alla riunione del consiglio federale verranno presentate in tal senso una prima serie di proposte». 

IL CF DI OGGI Riunione del Consiglio Federale in programma oggi in via Allegri e durante la quale sarà ufficializzata la nomina di Michele Uva a nuovo direttore generale al posto di Antonello Valentini.
Del ”caso Lotito” ha parlato ieri anche il ds giallorosso Sabatini. «Da Lotito pretenderei che non dica che un signore non può parlare in quanto dipendente: i dipendenti parlano, a condizione che rispettino tutti. Quando parla De Rossi è meglio che tutti lo ascoltino, perché non dice mai cose banali. Il suo presenzialismo? È anche divertente, credo lui lo faccia in contrapposizione con i tifosi della Lazio che non lo vogliono, e quindi va in Nazionale e si mette pure la tuta».

Fonte: IL MESSAGGERO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom