Rassegna Stampa

Mangia, prega, vola Così la freccia “Itu” ha conquistato le big

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-06-2014 - Ore 09:50

|
Mangia, prega, vola Così la freccia “Itu” ha conquistato le big

«Itu» da bambino aspettava che papà andasse a dormire, poi scappava in strada a giocare a pallone. A Buenos Aires i primi anni Duemila erano complicati, soprattutto per il figlio di un muratore come Juan Manuel. Ha raccontato recentemente in un’intervista: «Papà lavorava tutte le sere fino a tardi per mantenerci. Un giorno gli chiesi di potermi allenare in una squadra, ma per allenarsi bisognava pagare e noi non avevamo i soldi». Terza classe. Il suo carattere probabilmente nasce da lì: non certo cattivo, ma complesso. Timido in apparenza, soprattutto con i giornalisti e chi non conosce, in realtà simpatico. In spogliatoio dicono sia tra i più matti e organizzi mille scherzi. Il ragazzo di sicuro ha solidi principi cattolici. Ritwitta il Papa e scrive «Fuerza Kelvin», slogan che tra le virtù cardinali chiama in causa la temperanza: Kelvin è il giocatore per cui il Porto ha scelto di scaricarlo, ma «Itu» non conosce rancore. 

IN CAMPO  A 6 anni faceva il portiere, però nelle interviste è sempre stato chiaro: «Mi piace giocare esterno. Sono veloce e posso andare sul fondo, per crossare o per rientrare». Non dice che sul fondo si arriva solo lasciando sul posto i difensori e i dati dell’ultimo campionato dimostrano che il 15 gialloblù ha talento per il salto ostacoli: ha dribblato 100 volte, meglio di lui in A solo Cuadrado. Ha anche segnato 8 gol con il sinistro, se mai ci fossero dubbi sul piede preferito, e ha giocato soprattutto a destra. Spesso efficace, a volte indisciplinato, come da tradizione. Da ragazzo evitava volentieri di studiare («andavo a scuola solo perché dovevo») e nelle prime settimane a Verona si risparmiava nella fase difensiva. Le urla di Mandorlini hanno disturbato la quiete del Bentegodi e obbligato Iturbe a evolversi in un giocatore bidimensionale. Il Milan, a quanto pare, ha apprezzato. 

SEEDORF E PIPPO  Il presidente Setti poche settimane fa lo ha definito «il più forte giocatore dell’Hellas di tutti i tempi» e la mossa sembra una (intelligente) strategia per valorizzarlo. Iturbe, del resto, non ha avuto problemi a reggere la pressione. Ha finito bene la stagione e su @Juan_iturbe93 si è posto questioni filosofiche: «Esiste una donna che non faccia tardi a prepararsi?». Da ragazzo tra i suoi giocatori preferiti c’era Seedorf ma a volerlo rossonero è stato Inzaghi. «Itu» ha ammesso più volte di adorare il cibo, la carne in particolare, e di mangiare pasta e pizza nello stesso piatto. Arrivasse a Milanello, è tutto scritto: prima lezione, bresaola.

Fonte: gasport (L. Bianchi)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom