Rassegna Stampa

Martunis, il bimbo dello tsunami tesserato dallo Sporting Lisbona

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 02-07-2015 - Ore 16:19

|
Martunis, il bimbo dello tsunami tesserato dallo Sporting Lisbona

E' il colpo a sorpresa del mercato dello Sporting Lisbona. Nessuno, però, può dire di averlo visto davvero giocare. In compenso, in Portogallo ma non solo lì, è un personaggio da una decina d'anni. Allora (era il 2004) Martunis, giovane indonesiano che ieri è stato presentato come rinforzo delle giovanili del club biancoverde, aveva otto anni. Diventò famoso con una maglietta di Rui Costa, e per motivi extra-calcistici. Erano i giorni dello tsunami che aveva devastato il sud-est asiatico, causando 230mila vittime, e in particolare la zona di Aceh, Indonesia.

TSUNAMI E RUI COSTA — Il piccolo Martunis fu ritrovato vivo 21 giorni dopo lo tsunami: sua madre e due sue sorelle morirono travolte dalle acque. Lui era fra i dispersi, finché ricomparve, dopo la sua personale odissea. In quei 21 giorni si era nutrito con cibi trovati in giro, in quei 21 giorni era rimasto con la maglietta del Portogallo numero 10 che vestiva al momento della tragedia. La sua incredibile storia di sopravvivenza divenne popolare specie dalle parti di Lisbona, un po' per la divisa (tarocca), un po' perché subito lui segnalò il suo amore incondizionato per l'idolo Cristiano Ronaldo. Lo stesso CR7 e la federcalcio contribuirono alla ricostruzione della sua casa. Nel 2005 era stato portato nella penisola iberica e aveva incontrato la nazionale portoghese.
CON L'UNDER 19 — Intanto Martunis è cresciuto: la passione per il pallone non si è spenta: gioca in una squadra indonesiana. Quella per Cristiano e il Portogallo nemmeno (tanto da fargli dichiarare di voler giocare per la nazionale di Lisbona). Così ieri è arrivata la mossa a sorpresa dello Sporting Libona: il ragazzo è stato tesserato per la squadra Under 19, si trasferirà nella capitale portoghese, vivrà all'Academia di Alcochete, studierà e giocherà a pallone. Se poi dovesse coronare il sogno di diventare un giocatore professionista, tanto meglio. Altrimenti, lo Sporting gli troverà un lavoro all'interno delle strutture del club. Comunque vada, la storia "miracolosa" di Martunis, fa segnare una nuova puntata.

Fonte: Gazzetta.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom