Rassegna Stampa

Mauri: «Fango su di me, vado dai miei legali»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 17-10-2014 - Ore 09:39

|
Mauri: «Fango su di me, vado dai miei legali»

Stefano Mauri non ci sta e attacca. Il centrocampista biancocelste, tirato nuovamente in ballo nell’inchiesta di Cremona per una presunta conversazione su alcune combine tramite Skype, risponde dal suo profilo ufficiale di Facebook:«Leggo dalle solite testate giornalistiche, approssimative e male informate, che il mio nome torna al centro dell’inchiesta, perché la Procura sospetta che “Stefano160268” – spiega –nickname che dialoga con Palmieri coinvolto nel giro delle scommesse, possa essere io». Mauri poi si rivolge direttamente alla Procura di Cremona: «Questa cosa è veramente assurda e ha dell’incredibile: la Procura di Cremona ha la disponibilità del mio computer personale da più di 2 anni; non ci voleva (e non ci vuole!) molto a verificare quale è l’account Skype che utilizzavo». Il centrocampista conclude con un avvertimento: «Non posso credere che testate giornalistiche così importanti, sempre ammesso che la Procura abbia davvero i sospetti di cui si parla, non abbiano svolto le opportune verifiche. Mi rendo conto che il caso Mauri abbia più effetto e impatto mediatico, ma d’ora in avanti mi tutelerò nelle giuste sedi insieme ai miei avvocati».

Fonte: leggo (E.S)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom