Rassegna Stampa

Milan-Chievo 3-0, Kakà più Balotelli, tre volte super

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-03-2014 - Ore 22:40

|
Milan-Chievo 3-0, Kakà più Balotelli, tre volte super

Sotto il segno di Kakà e Balotelli, il Milan sale altri tre gradini in classifica. Sull'onda della vittoria di Firenze, i rossoneri travolgono il Chievo con un 3-0 che non fa una piega. Pratica chiusa già nel primo tempo, con il gol di SuperMario e il raddoppio di Kakà che, nella ripresa, mette la firma su un prodezza balistica. La squadra di Corini, che alza bandiera bianca dopo soli 4 minuti di gioco, fallisce un rigore con Théréau nel recupero e incassa la quarta sconfitta consecutiva in trasferta.

SUL CAMPO — Il Milan mette in pratica tutte le indicazioni di Seedorf. L'olandese all'insegna della continuità conferma il pacchetto avanzato, Taarabt, Kakà e Honda alle spalle di Balotelli, che a Firenze ha tenuto il campo con grande personalità. Problemi semmai in difesa, falcidiata da infortuni e squalifiche. Corini deve rinunciare a un centrocampista di qualità come Luca Rigoni, fermato dal giudice sportivo. Ma confida su Paloschi, bomber di razza; lui da solo 10 dei 23 gol gialloblù.
 
DA BALO A KAKÀ — La partenza del Milan è dirompente. Balotelli prende le misure con una punizione corretta in angolo dalla barriera, ma al 4' trova la porta e spacca la partita. Gran gol. L'assist è di Rami: Mario con una zampata fulmina Agazzi. Taarabt prova a raddoppiare al 6'; un destro potente che Agazzi in tuffo manda in angolo. Sorprende l'atteggiamento passivo del Chievo che rinuncia al pressing sull'uomo e arretra nella sua trequarti. Corini corregge al volo per diminuire il gap. Più velocità e pressing e il Chievo sfiora anche il pareggio al 15' con Bentivoglio; una sventola respinta a pugni uniti da Abbiati. Complice anche il Milan che decide di rallentare. A dare impulso alla squadra è Taarabt: sempre al posto giusto e tarantolato. Con Kakà ha un rapporto speciale; i due si trovano a memoria. Honda invece parte al rallentatore, ma al 27' pennella un cross perfetto; Kakà, solo davanti ad Agazzi stoppa di petto, e infila senza affanno, gabbando l'intera difesa del Chievo completamente spiazzata: il modo migliore per festeggiare 300 presenze con la maglia rossonera. Col 2-0 in banca, la qualità della vita del Milan migliora. La squadra di Seedorf attende e riparte. Al 37', al termine di una spettacolare azione condotta da Taarabt e Balotelli, Honda si mangia un gol grande come una casa; il suo piattone sorvola la traversa; 1l 45' Muntari lascia il posto a Essien dopo avere rimediato un colpo duro alla caviglia destra.
 
MAGIA — La ripresa non cambia i connotati alla partita. Il Milan la fa sua all'8', dopo un miracolo di Agazzi su Honda, quando Kakà infila il 3-0 con una magica parabola che si incunea sotto la traversa: il settimo in campionato, il 104° con la casacca rossonera. Al 15' Poli rileva De Jong e il Chievo, direttamente su calcio d'angolo colpisce un palo che disorienta Abbiati, aiutato però dai suoi compagni. A nulla servono gli inserimenti di Théréau e Cesar; il Chievo non tiene il passo. Al 29' Kakà lascia spazio a Robinho sotto una valanga di applausi, mentre Balotelli corre e dà spettacolo. Nel recupero Théréau su rigore calcia sulla traversa il gol della bandiera. Insomma, serata no per la squadra di Corini, mentre il Milan nello spazio di due settimane sembra aver imboccato la strada giusta. Il cammino di Seedorf ora è più sicuro.

Fonte: gazzetta.it - Gaetano De Stefano

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom