Rassegna Stampa

Milik operato: potrebbe tornare in quattro mesi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-10-2016 - Ore 07:53

|
Milik operato: potrebbe tornare in quattro mesi

IL MESSAGGERO - CASSETTA - Poco meno di un tempo regolamentare, quaranta minuti, per ricostruire il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro di Arkadiusz Milik. L'attaccante polacco, operato ieri mattina dal professor Pier Paolo Mariani a Villa Stuart, fino a giovedì resterà a Roma. Poi comincerà il lungo periodo di rieducazione per tornare in campo il prima possibile. «I tempi di recupero vanno dai quattro ai sei mesi, ma molto dipenderà anche dal calciatore», la spiegazione del chirurgo. Anche se i tifosi sperano, o meglio sognano, un recupero lampo. 

COME LUCARELLI - L'intervento è perfettamente riuscito. E non sono state riscontrate lesioni ai menischi che avrebbero potuto allungare lo stop. Difficile fare pronostici, ma Sarri si aggrappa ad un precedente favorevole, quello dell'ex azzurro Cristian Lucarelli, che per lo stesso tipo di infortunio nel 2010, a 35 anni, tornò in campo dopo appena 88 giorni dall'operazione. «Speriamo si ripeta anche con Milik, magari in 99 giorni», ha aggiunto Mariani, facendo riferimento al numero di maglia del polacco. Anche il medico del Napoli, Alfonso De Nicola, ha manifestato ottimismo: «I tempi saranno più brevi di quelli che dichiariamo per precauzione. Diciamo tre mesi, tre mesi e mezzo, ma speriamo anche molto meno». Nessuno, tuttavia, vuole mettere a rischio la salute di Arkadiusz: «A gennaio - ha ribadito De Nicola - dovremmo vederlo correre. Non vogliamo forzare il recupero e lavoreremo per farlo riprendere al massimo». Armadius già freme. Non ci sarà sabato contro la Roma, dovrà guardare la partita in tv, tifando per Gabbiadini che lo sostituirà e avrà la chance per tentare di convincere il presidente Aurelio De Laurentiis a rinnovargli il contratto. 

GLI AUGURI - Per rassicurare i tifosi, l'ex Ajax ha scelto Twitter, postando una foto dalla clinica. «Eccomi dopo l'operazione - ha cinguettato l'attaccante -, grazie a tutti per il vostro sostegno. Sono sicuro che tutto andrà bene». Ieri sono arrivati anche gli auguri di Diego Armando Maradona, che Milik aveva incontrato domenica in un hotel vicino Villa Stuart, poco prima di essere ricoverato. «Mi dispiace. E' un ottimo sostituto di Higuain. Purtroppo queste cose nel calcio succedono: all'improvviso si spegne la luce, ma lui è giovane e forte», le parole di Diego, che non hanno lasciato indifferente il bomber polacco.

Fonte: Il Messaggero - Cassetta

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom