Rassegna Stampa

Moviola in campo, i primi risultati dei test

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-10-2016 - Ore 08:00

|
Moviola in campo, i primi risultati dei test

REPUBBLICA – SCACCHI - Tecnologia, immagini e tempi giusti. Dalla coltre di riservatezza che avvolgerà fino a marzo 2018 la fase offline della moviola in campo - Var, Video assistant referee - trapela il primo risultato dei test italiani effettuati domenica: in Torino-Fiorentina e Milan-Sassuolo il tempo impiegato dagli arbitri per rivedere e decidere al video i casi dubbi è oscillato fra 10 e 20 secondi. In molti episodi, dunque, si è registrata una tempistica già accettabile per la Fifa che vorrebbe una capacità di reazione all’incirca tra 12 e 15 secondi per approvarne l’introduzione tra le regole del gioco e aprire alla comunicazione diretta all’arbitro in campo. Italia più veloce della Germania: finora in Bundesliga la media nei test è stata di 22 secondi. «Possiamo fare sempre meglio, la fase sperimentale serve soprattutto a familiarizzare con la tecnologia», commenta Domenico Messina, responsabile della Commissione arbitrale nazionale Serie A che era a San Siro insieme a Pierluigi Collina per visionare l’esperimento condotto da Doveri e Di Bello nella “control room” dello stadio. Un debutto caldissimo, caratterizzato dagli errori dell’arbitro Guida che hanno fatto imbufalire Di Francesco e i giocatori del Sassuolo. «Ma non esistono partite più o meno ideali a seconda degli episodi – continua Messina – è più rilevante fare pratica con inquadrature e strumentazioni ». Determinante la riproposizione immediata dell’immagine migliore per esaminare l’azione incriminata. Quindi è essenziale, oltre al numero più ricco possibile di angolazioni, che i tecnici di supporto scelgano subito la ripresa più adatta. Ecco perché Hawk Eye, la societá alla quale è affidata la parte tecnologica dei test, arruola tecnici che sanno di calcio e hanno avuto esperienze a vario titolo nel mondo del pallone. Resteranno sempre elementi di incertezza che dipendono dalla difficile interpretazione delle regole attuali, come per la volontarietà del fallo di mano in casi limite (il gol di Adjapong annullato a San Siro e la rete simile di Koscielny convalidata in Burnley-Arsenal). E casi a cui non si applicherà la tecnologia, come la punizione fatta ribattere a un inferocito Biondini, anche se non aveva chiesto la distanza. Fin qui gli episodi dubbi sono stati pochi, se la moviola fosse già operativa la classifica di A attuale non subirebbe sconvolgimenti. Ma in certe giornate avere una Var come amico farebbe molto comodo.

Fonte: Repubblica - Scacchi

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom