Rassegna Stampa

Nainggolan: “Che bello essere qui”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-01-2014 - Ore 08:57

|
Nainggolan: “Che bello essere qui”

Cappello di lana all’ultima moda, tatuaggi nascosti dalla felpa e gli occhi verdi sgranati tra il sorpreso e il divertito di fronte a quasi 100 tifosi fin troppo affettuosi accorsi ieri pomeriggio a Fiumicino. Non si aspettava un’accoglienza simile Nainggolan, il crack del calciomercato invernale, il terzo acquisto più costoso della gestione americana dopo Destro e Strootman: ai 3 milioni per il prestito se ne aggiungeranno 12 per il cartellino completo del belga (6 per la metà a luglio e altrettanti per il riscatto).

«Decisiva è stata la volontà del giocatore di andare a Roma », ha dichiarato ieri il ds del Cagliari Salerno. «Che calore! Ho fatto proprio la scelta giusta», ha confidato invece il Ninja (in cui qualcuno vede una spiccata somiglianza con Eros Ramazzotti) appena salito in macchina mettendosi in salvo dalla folla di tifosi e giornalisti. Qualche minuto dopo era a Trigoria dove ha formalizzato l’accordo che lo legherà alla Roma per i prossimi 4 anni e mezzo (1,8 milioni a stagione) e dove ha avuto modo di conoscere prima Totti e De Rossi poi Garcia. È stato proprio il francese a richiedere a gran voce Nainggolan. L’ex-centrocampista del Cagliari non sarà solo il vice De Rossi nel 4-3-3: nei piani del tecnico c’è infatti l’idea di un nuovo modulo, un 4-3-2-1 con la linea mediana formata da Strootman, De Rossi e lo stesso Nainggolan. Una diga dietro Pjanic e Totti, con Destro o Gervinho unica punta.

Dopo la firma Radja (che in indonesiano vuol dire Re) si è sottoposto alle visite mediche al Campus Biomedico che hanno dato via libera al comunicato ufficiale del club. Oggi Nainggolan sarà già in campo per il primo allenamento, mentre venerdì è prevista la conferenza stampa di presentazione. Difficile possa esordire già domani con la Samp in Coppa Italia, quasi certa la sua presenza domenica col Genoa al posto di De Rossi squalificato (un turno come Castan e Ljajic). Il belga ha scelto la maglia numero 44: «Perché per fare bene qui ci vuole un doppio Nainggolan», ha scherzato. La numero 4 che aveva a Cagliari è ancora sulle spalle di Bradley che, però, non sentendosela di fare il 5˚ ha chiesto alla Roma di essere ceduto. Su di lui ci sono Verona e Bayer Leverkusen, anche se il suo agente smentisce: «Michael vuole restare per giocarsi le sue carte qui». Marquinho si avvicina al Genoa, mentre Romagnoli andrà in prestito allo Spezia. Capitolo terzino: rispunta Montoya del Barcellona.

Fonte: Leggo – Balzani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom