Rassegna Stampa

Nainggolan chiama: «Sto bene a Roma». Ma la Juve non molla

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-05-2015 - Ore 08:44

|
Nainggolan chiama: «Sto bene a Roma». Ma la Juve non molla

GAZZETTA DELLO SPORT / PUGLIESE - «Lo so, c’è la questione della comproprietà da risolvere. Ma io a Roma sto benissimo e la prossima stagione spero di continuare a fare bene con questa maglia, magari anche meglio di quanto fatto quest’anno». Sono le parole di Radja Nainggolan di ieri nel match program della Roma (in vista del Palermo). Quasi un manifesto, almeno nella speranza dei tifosi giallorossi. Per far sì che si avveri, però, Nainggolan prima va riscattato. Non è facile, ma la Roma ci sta lavorando su, anche per respingere l’assalto delle grandi d’Europa: Juventus, Manchester United e forse anche Psg.

LA STRATEGIA Nella trattativa, da qualche giorno Sabatini ha cambiato interlocutore, da Marroccu a Capozucca, nuovo d.s. del Cagliari. Da un amico all’altro, anche se la traccia era già stata segnata. «Il rapporto con Sabatini va oltre l’amicizia, poi ci sono questioni di lavoro. Con il presidente Giulini ci dobbiamo coordinare su Nainggolan, è presto per avere un quadro della situazione — ha detto Capozucca a Trs —. Idem per Astori e Ibarbo, siamo in una fase in cui si dice molto ma non è tempo per i fatti». Già, anche se una strategia la Roma ce l’ha, dividere le due trattative: da una parte Nainggolan e Ibarbo, dall’altra Astori. Sabatini ha già offerto 2,5 milioni di euro al giocatore per il rinnovo del contratto, ma Nainggolan vuole 3 milioni più bonus. Non siamo lontani, Sabatini ha chiesto tempo fino al dieci giugno per sistemare alcune cose e formulare un’offerta definitiva. Nel frattempo, però, dovrà risolvere il problema con il Cagliari, riscattando la seconda metà di Radja (la prima era costata 6, a cui aggiungere i 3 del prestito della scorsa stagione). Anche perché le pressioni della piazza sono forti e una nuova Roma senza Nainggolan sarebbe considerata più debole.

TESORETTO SARDO A Cagliari al pensiero si stanno stropicciando gli occhi: chiedono 35 milioni, magari ne otterranno una ventina, comunque un tesoretto. Giulini finora ha chiesto alla Roma 18 milioni per la seconda metà di Nainggolan (a fronte di un’offerta giallorossa di 11), il riscatto di Ibarbo era stato fissato a 12,5 e quello di Astori a 5. Questo sulla carta, però. In realtà l’idea della Roma è di tenere Astori fuori da questo discorso e cercare eventualmente uno sconto (scendendo a 4 milioni), accorpando invece nella trattativa per Nainggolan quella per Ibarbo. L’idea giallorossa è eventualmente di salire con l’offerta per il «ninja» (fino a 14 milioni, più alcuni giovani da scegliere tra Pellegrini, i fratelli Ricci, Marchegiani e Balasa), provando a rinnovare il prestito di Ibarbo, magari quasi alle stesse condizioni: 2,5 milioni per il prestito più dieci per il riscatto. Poi, nel caso, con degli artifizi contabili «spostare» parte del costo di Nainggolan proprio su Ibarbo, per massimizzare eventualmente la futura
plusvalenza in caso di vendita futura di Nainggolan successivamente al suo riscatto.

FESTA A TRIGORIA Intanto ieri Nainggolan era a Trigoria per il family day, la giornata dedicata a giocatori, dipendenti e staff con le rispettive famiglie. «Ma la vera festa sarà con il Palermo, dove celebreremo la vittoria nel derby ed il secondo posto — dice lui —. Il bilancio è positivo, nonostante il calo post-natalizio. Essere obbligati a vincere per dimostrare di poter competere per lo scudetto ci ha pesato. Magari avremmo potuto restare vicini alla Juve. È un’esperienza che ci aiuterà nella prossima stagione». Lui ci sarà? La Roma ci spera, ma bisogna fare presto.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT / PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom