Rassegna Stampa

Nainggolan: «Ho parlato con Conte Non ho deciso»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-06-2016 - Ore 07:00

|
Nainggolan: «Ho parlato con Conte  Non ho deciso»

GAZZETTA DELLO SPORT - BOCCI - Si sono parlati. Certamente non ieri, e neppure una settimana fa. Ma si sono parlati, una volta e a lungo, e Conte ha raccontato a Radja Nainggolan le sue idee di calcio e le idee che lo riguardano. «È una persona interessante. D’altra parte se vedi che cosa ha vinto alla Juve dopo aver lavorato al Siena capisci che ha qualità e che sa ciò che vuole. È importante che un tecnico ti voglia e sappia esattamente come utilizzarti». Lettera d’addio alla Roma? Non proprio. Perché Nainggolan precisa anche che non è soltanto il clima a trattenerlo nella capitale. «Dodici anni in Italia, altri passi importanti da fare. I cambiamenti a volte possono essere anche fallimenti e quando si sta come sto io a Roma non si cambia per poco». Però. Però, come aveva detto qualche giorno fa, non si può far finta che l’offerta del Chelsea non sia mai arrivata. «Conte mi voleva alla Juve e io ho sempre detto, alla Juve mai. Sta cercando di portarmi al Chelsea. Se ho deciso di lasciare la Roma? Non so ancora che cosa farò. Per ora sono concentrato sull’Europeo«. Conclusione diplomatica, ma piena di verità: per Nainggolan, dopo l’esclusione dal Mondiale, l’Europeo ha un sapore diverso e un’importanza diversa da quella che possono attribuirgli i suoi compagni. Nainggolan ha la faccia da duro e rivincita è una parola che calza perfettamente al personaggio. Un personaggio, fra l’altro, che sta conquistando i tifosi belgi e una squadra piena di stelline, ma le stelline non bastano per vincere l’Europeo.

ATTENZIONI «Cominciare vincendo sarebbe importante, all’Italia mancano per infortunio tanti giocatori di qualità e gli attaccanti che ha portato Conte hanno giocato poco durante la stagione. Per noi è un vantaggio e siamo fiduciosi, anche se sappiamo che l’Italia tatticamente è più forte». Un altro tributo al tecnico che lo insegue da tempo, e Nainggolan è evidentemente lusingato dall’attenzione. «Non sarà mai un giocatore che cattura lo sguardo, non farà mai 12 gol o tanti assist, ma posso essere importante per una squadra». Conte dixit, e il belga della Roma apprezza. A questo punto toccherà al club giallorosso, come Radja ha già dichiarato, fare la sua parte. Un adeguamento dell’ingaggio, qualche carezza in più, anche se Nainggolan è un duro, farebbero pendere la bilancia dalla parte della Roma. Perché di Roma e dello stile di vita italiano Nainggolan è innamorato: la Premier League è un altro mondo, quindi un rischio. «Non ho ancora deciso, ma tanti anni di vita non si lasciano alle spalle facilmente». Tutto ancora in bilico, come nella partita con l’Italia. «Non è più la squadra che ha vinto il Mondiale e aveva grandi giocatori come Totti, ma è un buon collettivo. Per me l’Italia è quasi una seconda casa, però sono orgoglioso di essere belga. Fra gli azzurri ho gli amici Florenzi e De Rossi e farò di tutto per batterli e loro faranno lo stesso con me». Così è la vita. Confronti, decisioni. La partita Nainggolan-Roma è aperta, come e forse più di Italia-Belgio.

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom