Rassegna Stampa

Nainggolan, incontro con Sabatini per l’adeguamento del contratto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-07-2016 - Ore 07:23

|
Nainggolan, incontro con Sabatini per l’adeguamento del contratto

IL MESSAGGERO - CARINA – Nainggolan a Trigoria. In altri tempi la presenza del centrocampista sarebbe passata quasi inosservata. Ora, dopo le reiterate dichiarazioni del centrocampista dal ritiro della nazionale del Belgio, qualsiasi cosa lo riguarda viene invece analizzata minuziosamente. E così, ieri Radja ha varcato i cancelli del centro sportivo Fulvio Bernardini, accompagnato dall’agente Beltrami. Sabatini, poi partito nel pomeriggio per Milano, era presente in sede e lo ha accolto insieme a Baldissoni. Il tema, ça va sans dire, ha riguardato l’adeguamento contrattuale. Il belga guadagna attualmente 3,6 milioni più bonus (cifra pattuita appena un anno fa) che gli hanno permesso in questa stagione di superare la soglia dei 4 milioni. Traguardo che ora, forte dell’offerta milionaria del Chelsea, ha chiesto di raggiungere senza benefit. All’uscita dall’incontro Nainggolan è sembrato di buon umore: «Con Sabatini tutto ok. Resto alla Roma? Sì». Parole che (per ora) fanno calare il sipario sulla possibile cessione del centrocampista in Premier. Anche se il mercato è lungo e quest’anno c’è anche un preliminare di Champions di mezzo

GIALLO LJAJIC – Fino a domani. È questo il termine dato da Sabatini al Torino per provare a convincere Ljajic ad accettare il trasferimento in granata. Non un giorno in più. Fedele alla parola data al club di Cairo, la Roma tiene in stand-by il Celta Vigo. Ieri si era sparsa la notizia di un blitz del serbo in Spagna, dove avrebbe addirittura sostenuto le visite mediche. Circostanza smentita categoricamente dal Celta, dallaRoma e dall’entourage del calciatore. A Vigo c’era Ramadani, l’agente di Adem, che spinge per portare il calciatore all’estero. A conti fatti la Roma ha poco di che preoccuparsi. Se entro domani il Torino convincerà Ljajic, l’attaccante si trasferirà alla corte di Mihajlovic (7 milioni) insieme a Iago Falque (1,8 per il prestito più diritto di riscatto). Se invece l’ex viola dovesse puntare i piedi, al Torino andrebbe soltanto lo spagnolo, con la Roma pronta a chiudere con il Celta. Ore frenetiche anche perSanabria. A Milano il ds sta trattando la cessione dell’attaccante paraguaiano con ilBetis Siviglia. Trattativa serrata (in stand-by anche un paio di club inglesi): a Trigoriacontano di chiudere a breve. Sia per lui che per Machin, vicino al Sassuolo. Operazioni minori: il Cesena è in pressing su Capradossi e Crescenzi, richiesto anche daFrosinone e Palermo. Ponce è a un passo dal prestito allo Sporting Gijon.

IN ARRIVO – I soldi delle cessioni sbloccheranno alcune trattative in entrata. Mario Rui è già arrivato, Juan Jesus quasi. Il difensore al momento è molto vicino alla Roma. Prestito con diritto di riscatto fissato a 7 milioni. Per un brasiliano che arriva un altro se ne va: ieri Castan ha svolto le visite a Villa Stuart per la Sampdoria dove giocherà in prestito. Sono giorni di attesa anche per altri due calciatori. Nel soggiorno milanese del ds verranno definite le questioni relative a Caceres e Zabaleta. Dopo l’estenuante tira e molla con l’agente Fonseca, per l’uruguaiano si discutono ormai soltanto i dettagli. Per quanto riguarda invece l’esterno argentino, a Trigoria attendono il via libera. Nonostante l’accelerazione su Juan Jesus, rimane in lizza Vermaelen: il Barcellona chiede 10 milioni. In mediana, dopo la cessione in prestito di Doumbia alBasilea, continua ad essere offerto l’islandese Bjarneson, reduce da un ottimo europeo. A Trigoria non viene considerato una priorità ma è un profilo a priori da non scartare. Emerson intanto rimane in giallorosso: rinnovo del prestito con obbligo di riscatto a 2 milioni.

Fonte: Il Messaggero - S.Carina

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom