Rassegna Stampa

Nela, l’uomo dei tifosi. Un figlio della Roma

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-11-2015 - Ore 07:27

|
Nela, l’uomo dei tifosi. Un figlio della Roma

GAZZETTA DELLO SPORT - IMPARATO - Correndo correndo...Sebino Nela sta per ritornare nella Roma. Già, «Correndo correndo», proprio come il titolo del refrain che Antonello Venditti gli dedicò nel 1988, inserendolo in uno dei suoi L.p. più noti «In questo mondo di ladri». La solitudine dell’infortunato, dopo che Sebino ebbe un brutto infortunio, serio, nel 1987, e che lo tenne fuori un anno, spinsero il cantautore romano a raccontare la durezza dell’attesa per un campione che aspetta il rientro [...]
ANELLO TIFO-PALLOTTA Ora è imminente il suo rientro nella Roma, in un ruolo delicato e in un momento non certo idilliaco per occupare, forse, quella casella vuota nella dirigenza giallorossa: «Supporter Liaison Officer», che abbreviato sta per SLO, una figura che la Fifa ha creato da poco e che dal via dell’ultima Champions League ha iniziato, pressante, a chiedere ai club che partecipano alla maggiore manifestazione per club del continente. Un dirigente, cioé, che si occupi dei rapporti tra il tifo e la società [...] «Sì, ci siamo parlati di questa evenienza, ma prima, vediamoci il derby senza curve e poi approfondiremo tutti i temi». Come dire, aspettiamo Pallotta che arriverà a Roma per la partitissima e che sicuramente incontrerà anche lui, visto come proprio Pallotta - su segnalazione dell’avvocato Baldissoni - lo ha scelto per questo ruolo che assolutamente prevede un giocatore amato dalla tifoseria. Agli amici stretti Nela ha confidato come sarebbe stimolato dalla cosa e non certo impaurito dal momento [...] proprio dove si allenava la Roma in precampionato e scese in campo - dopo i cicli di chemio - per una gara tra vecchie glorie. «L’ho preso di petto quel brutto male....» disse allora, orgoglioso e rasserenato. Impossibile pensare che possa non prendere di petto anche veleno e bile tra le parti, dopo le frasi toste del presidente Pallotta che apostrofò come idioti i curvaioli più esagitati, la segmentazione del settore attuata dal prefetto Gabrielli, e la Curva deserta e disertata per il derby. Correndo correndo, Nela è l’uomo scelto a compattare un ambiente che, per arrivare allo scudetto, sta capendo sempre di più come ci sia da remare tutti, insieme, nella stessa direzione. 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - IMPARATO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom