Rassegna Stampa

“Noi squadra vera. Pronti a rialzarci”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-02-2014 - Ore 07:35

|
“Noi squadra vera. Pronti a rialzarci”

«Ci rialzeremo e continueremo di nuovo a vincere, siamo una squadra vera quest’anno ». Il giorno dopo la disfatta di Napoli, De Rossi prova a suonare la carica e a mettere da parte errori e recriminazioni concentrandosi su un campionato che vede la Roma seconda a +4 e con una partita in meno proprio sulla squadra di Benitez. «Abbiamo perso solo due partite quest’anno, fuori casa e contro due squadre fortissime. Come facciamo a essere tristi?», ha dichiarato il centrocampista, ospite alla presentazione del libro “Core de Roma” dedicato a Giacomino Losi.



«Non c’è crisi. È stata una sconfitta figlia degli episodi, se avessimo segnato subito infatti sarebbe andata diversamente. Nel calcio conta buttarla dentro. Nella ripresa abbiamo abbassato il raggio e l’abbiamo pagata». Lo scivolone del San Paolo – per De Rossi – non pregiudicherà il cammino in campionato: «Siamo lì, dietro alla Juve ci siamo solo noi e la strada è lunga. I napoletani ora sono felici, ma la coppa Italia non c’entra col campionato e lo dimostra la reazione della stessa Juve. E poi abbiamo già dimostrato di saperci rialzare dopo un ko».



L’ottimismo di Capitan Futuro – che entro i primi di marzo sarà padre per la 2˚ volta (Olivia il nome in pole per la piccola) – non basta a cancellare le critiche nei confronti di Garcia che ieri ha tenuto a rapporto la squadra per 40 minuti («Ma lo facciamo dopo ogni partita, nessuna discussione », ha assicurato Daniele). Ha fatto discutere, invece, la gestione del turn over in quella che poteva essere la settimana della svolta per la Roma. Il tecnico ha tenuto Totti a riposo nel giorno sbagliato e ha fatto a meno di Nainggolan in un derby che ha spremuto le residue energie di De Rossi e Strootman. Discutibile poi la scelta di preferire lo stesso Ljajic a Florenzi contro un Napoli d’assalto.



Altro dato allarmante riguarda l’attacco e non solo per la casella zero gol fatti in due partite. Se Gervinho non è in giornata di grazia, infatti, davanti si crea poco e lo stesso Destro ha fallito una grande occasione. «Un attaccante da 25 gol farebbe comodo a chiunque, ma queste cose dovete chiederle a Sabatini – ha detto De Rossi – Ora è inutile parlarne per mettere pressione a chi questi gol non li ha ancora fatti. Sono discorsi da fare in futuro, a me questa squadra piace così e Destro o Totti ce li hanno quei numeri». Totti che a Sky ha ribadito il suo amore per la Roma: «Vincere qui è sempre più difficile, ma sono fiero di essere rimasto tutti questi anni». Infine la notizia che Maicon ha recuperato al 100%.

Fonte: Leggo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom