Rassegna Stampa

Non lo amano e lui segna sempre Ronaldo a caccia di nuovi record

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-03-2016 - Ore 08:08

|
Non lo amano e lui segna sempre Ronaldo a caccia di nuovi record

GAZZETTA DELLO SPORT - RICCI - E con questa sono 6 stagioni di fila che Cristiano Ronaldo arriva almeno a 40 gol. Dzeko ne ha fatti al massimo 36, nel 2009 col Wolfsburg. E col passare degli anni i suoi numeri sono calati mentre quelli di Ronaldo restano sempre altissimi. 

LEADER DI TUTTO Il portoghese è il capocannoniere di questa Champions con 13 reti, perfettamente in corsa per superare il record della competizione, ovviamente suo, di 17 stabilito nel 2014, anno della Décima. E vale lo stesso per la Liga, e per la Scarpa d’oro. E per la classifica dei marcatori all-time della Champions, nella quale è arrivato a 91 reti. Tutti gli altri 21 giocatori scesi in campo all’inizio di Real Madrid-Roma ieri in Champions hanno fatto 82 reti. Insieme. In questo momento Cristiano è davanti a tutti ovunque. 

ESEMPLARE Ronaldo aveva tolto d’impaccio Zidane all’Olimpico con un gol meraviglioso e ha fatto lo stesso qui a Madrid. E viene da pensare che in fondo poi non ha tutti i torti quando dice che «Se tutti al Madrid giocassero come me magari saremmo in testa alla Liga». Sembra presunzione e invece è una constatazione sorretta dai numeri, Ronaldo coi Blancos viaggia ben oltre il gol a partita di media, e sarà pure una riflessione amara quanto volete ma basata sulla realtà: tanti suoi compagni sono sotto tono in questa strana stagione, James Rodriguez, Kroos, Varane, Danilo a lungo e persino Sergio Ramos. Il suo impegno è encomiabile, e chi dice che non è più quello di una volta, che segna solo contro avversari minori, dovrà sempre vedersela con la sua fame di titoli, individuali e collettivi. 

AGGRAPPATI A LUI Solo sabato scorso Ronaldo è stato fischiato da un pezzettino del Bernabeu. Lui quei fischi li aveva sentiti, eccome, e appena fatto il primo dei 4 gol del pomeriggio si era portato la mano all’orecchio. Scrivevamo ieri che non sarà mai amato come Raul o Juanito da questo strano pubblico, però lui va avanti per la sua strada e si porta dietro il Madrid. Che sogna l’Europa perché c’è lui, altrimenti il futuro in Champions sembrerebbe un incubo. Con quello di ieri Ronaldo ha fatto il quinto gol in 6 sfide con la Roma ed è arrivato a 57 partite (come Gento e una più Xavi) e 42 reti nella competizione dagli ottavi in avanti: più di tutti, a proposito di partite molli. E infatti lunedì quando hanno fatto notare a Zidane che c’è qualche madridista che vorrebbe vendere Ronaldo, il francese lo aveva seppellito con una risata: «Io no!». 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - RICCI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom