Rassegna Stampa

Nuova vita dell’ivoriano. Ora difende e segna ogni due tiri in porta

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-11-2015 - Ore 07:06

|
Nuova vita dell’ivoriano. Ora difende e segna ogni due tiri in porta

GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI - Ce l’aveva nel Dna, il derby, quest’uomo nato ad Anyama il 27 maggio 1987, che sogna di cenare una volta nella vita con Barack Obama ma che ieri sera ha condiviso il menu della vittoria con la sua tribù di amici, ovviamente presenti all’Olimpico, ovviamente presenti nei festeggiamenti dopo il primo gol alla Lazio. Benvenuti a Roma, provincia di Gervinholand , terra di un ivoriano con un segno particolare nella carta d’identità. Perché il 27 maggio non è una data qualunque. È il giorno dopo il 26, la sconfitta con la Lazio in Coppa Italia, il punto più basso della proprietà Usa, di fatto l’inizio dell’era Garcia, a maggior ragione lo start di una storia incredibile. Gervinho arriva a Roma per...«merito» di quella sconfitta. E ha già vissuto sette vite [...] Ma quanti anni ha Gervinho? Quanti fratelli ha Gervinho? Quello scarso qui neppure se lo ricordano più. Così, per dire: minuto 36 del secondo tempo, l’ivoriano esce e gli applausi neppure si contano, misti al «controllato» terrore che si dovessero giocare ancora 9 minuti più recupero senza di lui. Perché forse non è mai esistita una Roma senza Gervinho [...] Era solo l’antipasto – poco riuscito – di una cena che si sta rivelando succulenta. Dice uno che lo conosce bene, per spiegare i motivi della flessione della scorsa stagione: «Provate voi a mettere nelle gambe di qualsiasi giocatore due Mondiali nella stessa stagione, cioè il Mondiale vero e la coppa d’Africa». Rieccolo l’interruttore, staccato al ritorno a Roma, a febbraio. Ora è in modalità «On», tranquilli. Tranquillo lui, non i difensori avversari. Mauricio, in quella folata sotto la Tevere del secondo tempo, non sapeva neppure dove aggrapparsi per fermarlo [...] Sentite questa: è capocannoniere della Roma in campionato con 6 gol. Lui, quello che non prendeva mai la porta, ora ha una percentuale realizzativa del 46%: un tiro su due fa gol. Recupera più palloni della media nel suo ruolo, ne intercetta il triplo, dribbla il quadruplo. Un attaccante totale, è diventato [...]

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom