Rassegna Stampa

Olimpico stadio «eccezionale»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-08-2016 - Ore 09:20

|
Olimpico stadio «eccezionale»

IL TEMPO - DANI - «Più che all’Olimpicosembra di entrare a Guantanamo». La battuta è di Roberto Giachetti, quasi-sindaco di Roma e tifoso giallorosso doc. Ma ben fotografa quello che sta succedendo nella Capitale dove, a partire dalla prima giornata delCampionato di Serie A 2016-2017 (Roma-Udinese, sabato 20 agosto alle 18 ndr), verranno introdotte nuove misure per garantire la sicurezza dei tifosi. Su tutte i cosiddetti «scanner facciali». Un software che permetterà alle telecamere già installate suitornelli di ingresso di raccogliere dati biometrici, ad esempio la distanza degli occhi, che consentiranno alle forze dell’ordine di identificare qualsiasi persona in brevissimo tempo. Una schedatura? «Io non mi sento affatta schedata» replica il capo dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive, Daniela Stradiotto. «Questo sistema – aggiunge – è stato deciso dalle persone perbene che non possono che esserne rassicurate, vista anche la minaccia terroristica. Chi non ha da temere nulla, non ha motivo di sentirsi schedato». Anche Carlo Feliziani, responsabile biglietteria della Roma, intervenendo ai microfoni della radio della società rassicura: «L’accesso non è stato modificato, si accede con i soliti controlli, con biglietto o abbonamento in mano, non è cambiato nulla. Gli organi di poliziacercano di avvalersi della tecnologia per controllare l’accesso ma lo strumento non ha nessun tipo d’implicazione con la biglietteria, ora c’è una tecnologia migliore, più precisa».

E l’ex  della Capitale, Achille Serra, parlando a Rete Sport, è ancora più netto: «C’è una grande enfatizzazione da parte della stampa, questo agita l’animo dei tifosi». Sarà anche colpa della solita stampa «cattiva», ma una domanda nasce spontanea: perché tutto questo accade sempre e solo all’Olimpico? E non si tratta tanto degli scanner. Lo stadio romano è stato il primo in Italia in cui sono stati introdotti i tornelli d’ingresso, ma soprattutto è l’unico dove, da più di un anno, le curve sono divise da barriere. «Motivi di sicurezza», si dirà. «Così l’Olimpico diventa un lager» attacca Lorenzo Contucci, l’avvocato degli ultrà. In effetti, da quando le curve sono state trasformate in gabbie i tifosi hanno disertato lo stadio. E questo ha sicuramente ridotto il rischio di scontri. Ma non finisce qui. Perché tra le novità introdotte dal Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, ci sono anche quelle riguardanti i parcheggi. D’ora in poi, chi vorrà raggiungere l’Olimpico in macchina, dovrà lasciarla a Piazzale Clodio o in Viale della XVII Olimpiade. E quindiproseguire a piedi per quasi due chilometri.

«Il lavoro che stiamo cercando di fare – spiega il capo di gabinetto della  di Roma,Roberto Massucci – è di rendere più fruibile lo Stadio Olimpico che a volte impone delle gravi limitazioni per le persone che abitano nella zona e che non sono interessate alle partite. Noi vogliamo migliorare il flusso veicolare e adottare questi provvedimenti anche in prevenzione di una eventuale, sperando che non accasa, situazione legata a fattispecie terroristiche». Peccato che, nelle altre città, per «rendere più fruibile lo stadio», si organizzano un trasporto tramite metropolitana (come a Milano) o si potenziano altri mezzi (come a Torino). Magari si costruiscono parcheggi in prossimità dello stadio o all’interno. A Roma no. Forse si spera che i tifosi, scoraggiati, decidano di restare a casa a vedersi comodamente la partita davanti alla tv. In fondo la sicurezza è soprattutto prevenzione.

Fonte: IL TEMPO - DANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom