Rassegna Stampa

Ora il sogno scudetto può andare in archivio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-01-2015 - Ore 07:46

|
Ora il sogno scudetto può andare in archivio
Peccato non avere sfruttato il calo dei viola dopo quell’avvio a senso unico e il vantaggio siglato, fortunosamente, da Mario Gomez, poi sostituito.

Limato appena un punticino, la Roma a meno sette dalla Juve, il pari del Franchi è forse inutile per le rispettive aspirazioni. Ma dopo avere vissuto mezz’ora da incubo, compreso l’infortunio di Strootman, Garcia ha visto almeno una reazione all’altezza dei giorni migliori, Iturbe grande protagonista, il pari di Ljajic, poi la ricerca del risultato pieno, soltanto sfiorato, ma se non altro qualche progresso si è visto, anche se forse il sogno dello scudetto va definitivamente in archivio, peccato non avere sfruttato il calo dei viola dopo quell’avvio a senso unico e il vantaggio siglato, fortunosamente, da Mario Gomez, poi sostituito. Non ha avuto bisogno di esibire il suo volto migliore, la Juventus, di fronte a un Chievo ben disposto e capace di resistere per un’ora buona. Ma Pogba ha risolto tutto, come spesso gli accade, gol capolavoro e assoluta padronanza del campo. Bravi i veronesi a reagire, sfiorando la rete che avrebbe riaperto la gara, ma Schelotto ha colpito il palo. Giornata favorevole per la Lazio, Samp bloccata da un Palermo scippato di un gol da un assistente di porta che pensava agli affari suoi. Peggio è andata all’Inter, la barricata del Torino premiata alla fine da un gol di Moretti. Sembra segnato il destino del Parma, il Cesena ha regalato un autogol comico, ma ha portato casa i tre punti, emiliani ultimi e forse rassegnati a un destino amaro. E oggi il Napoli ha l’occasione di riprendersi il terzo posto, ma il Genoa non andrà al San Paolo da tenero turista.

 

Fonte: GIUBILO - IL TEMPO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom