Rassegna Stampa

Pallotta annuncia: «Pjanic resta e non ci saranno più rivoluzioni»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-04-2016 - Ore 08:01

|
Pallotta annuncia: «Pjanic resta e non ci saranno più rivoluzioni»

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Dopo cinque anni di gestione americana in cui si è puntato soprattutto sulla valorizzazione dei calciatori e sulle plusvalenze, la Roma cambia strategia. A dirlo è il presidente James Pallotta, che a Roma Radio ha tracciato la nuova linea per il calciomercato: basta rivoluzioni, solo piccoli aggiustamenti e inserimento dei giovani migliori in una rosa che, grazie al lavoro di Luciano Spalletti («Avrei voluto prenderlo prima, sapevamo di avere un gruppo forte ma mancava una guida»), sta dimostrando le sue qualità.

Lo spunto, al numero uno romanista, arriva dalle tante indiscrezioni di mercato. «Si parla della cessione di Pjanic ma non è così: io voglio che resti, si trova molto bene qui. Anche solo parlarne fa molto male alla squadra, sono stanco di queste voci». Proprio il centrocampista bosniaco avrebbe chiesto alla società un intervento deciso che lo mettesse fuori dal mercato, dopo i «rumors» delle ultime ore che lo vogliono in trattativa con gli inglesi del Chelsea.

Un altro che non dovrebbe muoversi è Manolas, che sta trattando il rinnovo del contratto. Il sito Football Leaks ha pubblicato ieri il contratto di vendita dall’Olympiacos alla Roma in cui c’è scritto che se il difensore sarà ceduto prima del 1 settembre 2016 la società giallorossa dovrà versare ai greci metà del ricavo.

I pezzi pregiati restano, insomma, ed è lo stesso Pallotta a spiegare come non ci sia bisogno di rivoluzioni. «Se fino ad ora abbiamo commesso un errore è stato cambiare spesso la rosa ed effettuare troppe operazioni di mercato».

Una necessità, più che una volontà, che ha trovato in Walter Sabatini un perfetto esecutore. Ora però la situazione è cambiata, e c’è bisogno di altro, anche dal punto di vista dirigenziale. «Sabatini ha fatto un ottimo lavoro: avevamo ereditato una situazione economica complessa e dovevamo fare delle operazioni per sistemare il bilancio. Abbiamo preso giocatori forti, ma alcuni abbiamo dovuti venderli per via delle direttive della Uefa e non c’era possibilità di scelta. Le trattative nel calcio sono molto bizzarre, a volte quasi cinematografiche, nel prossimo mercato faremo solo qualche correttivo integrando alcuni giovane».

Proprio sui prodotti del vivaio fa molto affidamento Pallotta. «È stato molto iImportante il lavoro svolto da Bruno Conti, Ricky Massara e da Alex Zecca con questa Academy che considero tra le migliori, così come voglio sottolineare il ruolo di Alberto De Rossi, autore di un lavoro eccezionale».

Nemmeno una parola sul futuro di Francesco Totti, ancora tutto da decidere. Solo belle parole, invece, sul derby. «Per come stavamo giocando ultimamente mi sentivo tranquillo. Sono contento che abbia segnato Dzeko. Noi vogliamo vincere lo scudetto, non ho intenzione di andare da nessuna parte, e poi ho uno stadio da costruire: ci sono delle questioni in sospeso, ma sono risolvibili».

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom