Rassegna Stampa

Pallotta: “Che affari con la Roma”. Adesso tocca al rinnovo di Totti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-09-2013 - Ore 22:15

|
Pallotta: “Che affari con la Roma”. Adesso tocca al rinnovo di Totti

Fra poco lo certificherà anche l’Onu: siamo meno felici rispetto al recente passato. Il «World Happiness Report» che sarà illustrato presto alle Nazioni Unite racconta gli italiani negli ultimi tre anni sono scivolati indietro nella classifica mondiale di ben 17 posizioni. Volendo sorridere, si potrebbe dire che i tifosi della Roma forse hanno dato un bel contributo alla statistica, visto le recenti malinconie che l’attuale stagione sembra però avere accantonato. Ma anche i vertici di Trigoria, in fondo, vorrebbero essere un pizzico più felici. 

IL SINDACO E LO STADIO  Mettetevi ad esempio nei panni di James Pallotta. E’ ricco, intelligente, sempre sorridente, e pazienza se talvolta usa un linguaggio non proprio oxfordiano. Di sicuro, però, il presidente sorriderebbe assai di più se il progetto nuovo stadio decollasse. Ieri, ad esempio, il sindaco Marino ha detto: «Non ho nessuna notizia. Ho ricevuto delle persone che vogliono proporre un nuovo stadio e le ho ascoltate a inizio del mio mandato. Hanno detto che torneranno con disegni e progettazione. Non appena saranno pronti, li riceverò». Un’unghiata gentile che fa seguito a quanto da UniCredit: «Progetto complicato per finanziamento e sostenibilità. Al momento non è in agenda». E allora, se Pallotta a maggio diceva che entro un paio di mesi il nuovo progetto sarebbe stato pronto, adesso (settembre) gli tocca ridire cose analoghe. «In un paio di mesi saremo in grado di annunciare il tutto – ha spiegato al Bloomberg Sports Business Summit di New York -. Sarà uno stadio da 60.000 posti e con sicurezza all’avanguardia». Il sorriso, però, gli è tornato quando ha parlato del mercato. «Abbiamo acquistato Marquinhos per 3 milioni e lo abbiamo rivenduto a 30 milioni al Psg, liberando così risorse per comprare giocatori, tra cui Strootman. Un altro affare è stato quello di Lamela, rivenduto a 21 anni a 35 milioni. Il Manchester City invece ha spesso quasi 600 milioni. Penso che se non facciamo qualcosa sotto il profilo del fair play, ci sarà anche meno divertimento. Faremo annunci importanti nei prossimi mesi». Oltre allo stadio, i sussurri parlano di un nuovo partner, la cui ascendenza varia dalla Russia (fratelli Bazayev) all’Indonesia, mentre sul fronte interno sembra in uscita il responsabile commerciale Winterling.A pensarci bene, un ottimo motivo per sorridere, anche perché oggi tornerà in scena il discorso relativo al contratto di Totti. Fissata la scadenza (2016), occorre modulare l’ingaggio, che oscilla tra i 3,5 e i 2,8 milioni. 

SPALLETTI PUNGE  Ma se il presidente Usa sparge ottimismo, dalla Russia l’ex allenatore Luciano Spalletti si toglie qualche sassolino dalla scarpa. «Alla Roma si diceva che bisognava fare di più, che disturbavo la crescita della squadra. Poi, dopo 4 anni, sono andato in altre città europee, mi sono informato, ma della Roma non ho più sentito parlare».Impressioni? Mister Pallotta non gradirà.

Fonte: (Gazzetta dello Sport – M.Cecchini)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom