Rassegna Stampa

Pallotta convince Zingaretti. Sullo stadio serve l’ok della Raggi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-09-2016 - Ore 09:41

|
Pallotta convince Zingaretti. Sullo stadio serve l’ok della Raggi

IL TEMPO - MAGLIARO - La vera partita, James Pallotta, la giocherà oggi in Campidoglio dal trio Raggi–Frongia–Berdini, ma quella di ieri, in Regione da Zingaretti, è stata sicuramente una buona giornata per il patron giallorosso. L’iter di esame del progetto definitivo dello Stadio di Tor di Valle va avanti: Zingaretti, al termine dell’incontro negli uffici della Giunta regionale in via Colombo, durato tre quarti d’ora, ha ribadito le date salienti: 20 settembre presentazione del progetto, 3 novembre prima vera seduta della Conferenza di Servizi (dal 20 settembre al 3 novembre ci sono tutti i lavori preparatori) e conclusione del tutto previsto per il 6 marzo 2017.

Tuttavia, il Presidente della Regione, dopo aver ricordato l’istituzione dell’apposito “ufficio di scopo” che sta lavorando all’esame del progetto e che sul sito della Regioneverranno resi pubblici “tutti i documenti della Conferenza di Servizi”, ha aggiunto che “la Regione farà di tutto affinché il progetto possa andare avanti, anche se è chiaro che ho comunicato che un passaggio fondamentale è l’approvazione da parte del Consiglio comunale della variante urbanistica”. Un tema, ha detto Zingaretti, che “è già stato affrontato nei colloqui fra Civita e Berdini”. Un messaggio velato alla maggioranza 5Stelle che guida il Comune: la responsabilità sulla variante spetta a voi. “Abbiamo la speranza di aprire lo stadio della Roma nell’aprile del 2019’’, è il succo delle brevi dichiarazioni del Presidente della Roma che portava una sciarpa con i colori giallorossi, il vecchio logo e la scritta “unico grande amore”, regalo di una funzionaria dell’Urbanistica regionale.

Un succo ancora una volta davvero (troppo) ottimistico che non tiene un conto esatto dell’iter e delle insidie che possono rallentarlo. “Con il presidente Nicola Zingaretti è stato un buon incontro. Sappiamo che a Roma e al Paese serve un nuovo stadio come questo. Un impianto che non ha mai avuto. Ci sarà un processo aperto, trasparente; e sono al lavoro incredibili professionalità per rispettare una tabella di marcia molto precisa. Siamo molto, molto fiduciosi”. A margine, l’assessore all’Urbanistica della Regione, Michele Civita, spiega: “Era la prima volta che incontravamo il presidente della Roma, quindi è stato un momento conoscitivo. È chiaro che il passaggio di adozione della variante urbanistica da parte dell’Assemblea capitolina è un elemento delicato. Quell’espressione da parte dell’Aula sarà un passaggio frutto di tutto l’iter che è iniziato nel 2014 e che ha visto la sua formalizzazione nella delibera di pubblico interesse del dicembre 2014”. Il sottinteso è chiaro: qualora in Campidoglio ci siano volontà contrarie alla realizzazione dell’impianto, non potrà essere quella la sede per esprimerle, a pena di esporre il Comunea una richiesta di risarcimento danni davvero monstre.

Fonte: Il Tempo - Magliaro

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom