Rassegna Stampa

Pallotta e la Figc: ”Servono uomini e regole nuove”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-07-2014 - Ore 08:47

|
 Pallotta e la Figc: ”Servono uomini e regole nuove”

Il fronte anti-Tavecchio esce definitivamente allo scoperto. Dopo gli affondi nei giorni scorsi diAndrea Agnelli e Barbara Berlusconi (che tuttavia il primo ‘nemico’ sulla questione lo ha in casa, Galliani), ieri si è aggiunta all’elenco no-Tav anche la Roma. Il club giallorosso ha diramato un comunicato, a firma del presidente Pallotta, con il quale si è mostrato «favorevole all’assoluto rinnovamento di governance, regole e uomini che finora hanno gestito il calcio italiano. Riteniamo che la soluzione delle problematiche debba essere affidata a personaggi autorevoli e indiscutibilmente distanti dalle logiche che fin qui non hanno prodotto soluzioni». L’ultimo riferimento, nemmeno troppo velato, è alla candidatura di Tavecchio che preferisce far replicare gli alleati. Dopo la durissima stilettata di Macalli ad Agnelli, è sceso in campo anche Mambelli, vicepresidente della Lnd: «Agnelli è un gran maleducato, oltre che un incompetente e la signorina Berlusconi non sa distinguere un pallone da un cocomero. Albertini? Non sa nulla e poi non doveva dimettersi?». Che Agnelli ambisca ad un posto nel consiglio federale non è un mistero ma a frenarlo – oltre alla causa per calciopoli di 400 milioni contro la Figc – è che servono 14 voti (su 20) della Lega di A. Numeri che il presidente della Juventus (per ora) non ha. Con lui, infatti, ci sonoRoma, Fiorentina, Empoli, Cesena, Sassuolo, Verona e forse il Cagliari. Con Lotito (Lazio) e Galliani (Milan), invece, Torino, Genoa, Udinese, Parma, Palermo e Chievo. In stand-by Atalanta, Sampdoria, Inter e Napoli. Sì anche il club del presidente De Laurentiis che, pur vedendo di buon occhio la figura del commissario, ieri è rimasto criptico sulla questione: «Il profilo giusto è un presidente moderno, giovane come testa, pronto a rispettare il passato senza rinnegarlo e aprire la porta al futuro. Non bisogna rattoppare ma ricominciare da zero senza aver paura». L’utilizzo della formula «giovane di testa», lascia aperta una porta anche alla candidatura di Tavecchio a patto che il presidente della Lnd dia il via libera alle riforme che De Laurentiis chiede da tempo: serie A ridotta a 16 squadre e via al vincolo sugli extracomunitari, l’obbligo di schierare solamente italiani under 25 in serie B e Lega Pro (ma divieto di tesserare stranieri), revisione della legge 91. E ieri Tavecchio ha teso la mano al presidente del Napoli all’inaugurazione del Cinecittà Word«Sono disponibile a condividere programmi e progetti»Intanto entro venerdì 18 (probabile data del consiglio federale) avrà concluso il giro di consultazioni. A quel punto il quadro sarà più chiaro.

Fonte: il messaggero (S. Carina)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom