Rassegna Stampa

Pallotta e Ultrà: "dialogo col Prefetto"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-11-2015 - Ore 09:55

|
Pallotta e Ultrà:

GAZZETTA DELLO SPORT – CECCHINI - Vita da James Pallotta: ovvero essere presidente di una Roma lanciata e nel contempo essere contestato dai propri ultrà. Un paradosso spiegato solo dal fatto che il club si trova schiacciato tra la fermezza del prefetto Gabrielli («Sulla sicurezza la Roma ci ha aiutato meno della Lazio») e la linea dura del tifo della curva Sud, che diserta le partite. Per questo, dal «fucking idiots» in poi, il presidente resta nel mirino degli ultrà, soprattutto dopo che — parlando di coloro che prima del derby cantavano cori contro Gabrielli e contro di lui («E Pallotta dove sta?») — domenica ha replicato: «Io (durante il derby) cantavo: “Dove sta la curva?”». Inutile dire che le polemiche si sono riaccese, perciò il presidente è tornato sulla questione, ingranando una mezza retromarcia di chiara lentezza. «Non era quello lo spirito con cui ho fatto quelle affermazioni — ha detto alla radio del club —, stavo scherzando. Anzi, ho visto il video dei tifosi e ho trovato bellissimo che, nonostante i loro problemi e la loro protesta, abbiano avuto la voglia di recarsi lì. La prossima settimana sono già in calendario incontri con il Prefetto. I tifosi ci mancano; le cose stanno andando bene ma non è la stessa cosa senza di essi. Non sono contro di loro, mentre avrò sempre dei problemi con quelle persone (non li chiamo tifosi) che nuocciono alla squadra, che denigrano e infangano i nostri giocatori, che magari li chiamano sotto la curva per insultarli. Ma non c’è dubbio che il 99,9% siano dei fantastici». 
TOLLERANZA ZERO Meglio così, perché dal Viminale sottolineano come resterà la tolleranza zero, anche perché la frangia violenta è quantificata intorno alle duemila unità, in grado di intimorire la maggioranza della curva. In ogni caso, le forze dell’ordine considerano un vanto il fatto che sia stato il primo derby da tantissimi anni senza incidenti. Insomma, si sottolinea, se tutte la parti manterranno la loro linea, nella prossima stagione migliaia di ultrà non si abboneranno, aprendo la Sud a una nuova generazione di tifosi non contigua con la violenza. E anche dal punto di vista imprenditoriale, dicono al Viminale, alla fine anche James Pallotta e la nuova Roma ne beneficeranno.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - CECCHINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom