Rassegna Stampa

Pallotta non lo libera, Sabatini resta alla Roma. Saputo vira su Bigon

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-05-2016 - Ore 08:09

|
Pallotta non lo libera, Sabatini resta alla Roma. Saputo vira su Bigon

LA REPUBBLICA - MARRESE - Potrebbe liberarsi a luglio come ad agosto o l’anno prossimo. Nessuna delle parti se la sente di proseguire in questo stato di vaghezza e ambiguità (pensate solo alle voci sulla trattativa per Diawara alla Roma) per un tempo che potrebbe ulteriormente allungarsi oltre quel 30 giugno che, a fatica, il Bologna aveva deciso di attendere, nella speranza di poter portare a casa uno dei migliori uomini di mercato su piazza. Ma Pallotta ha chiuso a chiave i portoni di Trigoria.

Sabatini, oltre ad aver incontrato varie volte Fenucci e Di Vaio, aveva già parlato con Saputo in un paio di occasione e aveva avuto anche un colloquio con Donadoni, a casa dell’allenatore, una decina di giorni fa: un’oretta insieme, anche con Fenucci e Di Vaio in un secondo momento, per delineare assieme una strategia. Poi dopo qualche giorno il tecnico aveva un po’ spiazzato tutti ammettendo che l’assenza di un diesse era sicuramente un problema da risolvere in fretta. Nell’ambiente da tempo circolava la malignità secondo cui Sabatini si stesse un po’ prendendo gioco del Bologna, supportata dalla sicurezza ostentata da tutta la Roma (Spalletti in primis) che mai Pallotta avrebbe rinunciato a Sabatini, e allora per stroncare ogni equivoco prima che fosse troppo tardi, il dirigente umbro s’è chiamato fuori.

Fenucci s’è preso adesso qualche giorno di tempo per decidere. Non è stato colto in contropiede:sapeva fin dall’inizio, forse meglio dello stesso Sabatini, che la risoluzione dalla Roma sarebbe stata molto più complicata di quanto Sabatini, istintivo e focoso, dicesse. Da tempo le alternative al nome in cima alla lista erano al caldo. Il favorito rimane Riccardo Bigon, considerato in crescita a livello di contatti internazionali, forse ancora più adatto di Sabatini alla partnership con il Montreal, ma certamente meno esperto, creativo e solido. Uno stile e un tipo di diesse molto differente rispetto a Sabatini, all’ombra della cui inventiva e abilità di mercante tutti si sarebbero sentiti più tranquilli a Casteldebole, specie in una situazione in cui non c’è un budget grasso da spendere e allora bisogna aguzzare maggiormente l’ingegno e oliare i propri canali. A Napoli Bigon lavorò bene, qui arriverebbe con la macchia della retrocessione fresca di Verona, dove però vanta una riduzione del monte ingaggi di 7 milioni e un più 4 milioni sul mercato. I suoi amici sostengono che abbia dato a Mandorlini i giocatori che chiedeva. Non è detto che Bigon sia una scelta rischiosa a priori, lo dirà il campo come sempre, ma quella di Sabatini avrebbe messo a tacere i molti estimatori di Corvino. Il Bologna invece ha perso due big in un colpo solo, nel giro di 48 ore. E sulla carta Bigon è innegabile che Fenucci azzardi qualcosa di più, rispetto all’asso Sabatini. Stesso discorso varrebbe anche per gli altri nomi noti in lizza da Pradè (Fiorentina) a Osti (Sampdoria), non ancora da cancellare.

Fonte: La Repubblica - Marrese

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom