Rassegna Stampa

Pallotta sprint. Prima il progetto stadio poi faccia a faccia con Garcia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-06-2015 - Ore 08:11

|
Pallotta sprint. Prima il progetto stadio poi faccia a faccia con Garcia

IL TEMPO - BALZANI - «Non è la giornata ideale per indossarla». E via la cravatta. James Pallotta probabilmente non si riferiva solo all’afa di Roma, ma al lunedì intenso che l’ha visto impegnato su tre fronti. Il primo appuntamento è andato in scena all’Eur con la presentazione del progetto definitivo del nuovo stadio consegnato in Campidoglio. «Sarà pronto per fine 2017, ma chiuso per violenti e razzisti», ha dichiarato Pallotta atteso qualche ora dopo a Piazza di Spagna. In via del Babuino, nel cortile esterno dell’Hotel De Russie, il presidente ha avuto modo di chiarirsi faccia a faccia con Garcia dopo gli screzi a distanza dell’ultimo mese. «È tutto ok, tutto sotto controllo. Siamo qui solo per una chiacchierata amichevole e un buon caffè. Rudi è il nostro allenatore», ha assicurato l’americano. Poi l’abbraccio caloroso con Garcia.

I due non si vedevano da marzo. «Ti trovo abbronzato. Tutto bene il viaggio?», sono state le prime parole di Pallotta.

Il colloquio è durato un’ora e mezza e ne ha preso parte anche il nuovo team manager Zubiria in qualità di rappresentante del nuovo staff tecnico. Si è parlato di questo, ma anche di mercato, programmazione futura e errori passati. All’uscita Garcia – che ripartirà oggi e tornerà martedì prossimo a Trigoria – è apparso sorridente: «Avete visto? È tutto tranquillo. Abbiamo parlato di tutto, anche di mercato». Poi una battuta: «Abbiamo deciso che io vado a Boston ad allenare i Celtics». E una promessa: «Ci vediamo a Pinzolo». Pace fatta quindi almeno per il momento. L’ultima tappa di Pallotta sarà stamattina a via Ripetta dove alle 8 terrà una conferenza stampa prima di ripartire per Boston. Non è escluso l’annuncio degli avvenuti riscatti di Nainggolan e Bertolacci.

OFFERTA PER EDER – Sabatini da ieri a Milano per chiudere le due pratiche: 18 milioni per il belga (più 2 per Astori) e 6 per l’azzurro (probabile l’inserimento di Falque). Intanto ha offerto 10 milioni più Politano alla Samp per Eder. Mentre Doumbia sarà ceduto in prestito con obbligo di riscatto a 14 milioni. Due le offerte arrivate: da Russia e Inghilterra. Un affare che rende più semplice la caccia al bomber anche se si allontana il sogno Dzeko. Resta a galla Bacca, ma nelle ultime ore sono tornati a circolare i nomi di Jovetic (City), Gignac (Marsiglia), Mitrovic (Anderlecht) e Gameiro (Siviglia). Infine, trovato l’accordo per il portiere Begovic dello Stoke.

Fonte: IL TEMPO - BALZANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom