Rassegna Stampa

Paredes, lo Zenit insiste ma l'offerta non è giusta

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-08-2016 - Ore 08:02

|
Paredes, lo Zenit insiste ma l'offerta non è giusta

IL MESSAGGERO - CARINA - Se è vera asta, sarà il tempo a dirlo. Ma che la Roma abbia deciso di sacrificare Paredes per completare il mercato, su questo ci sono pochi dubbi. A patto, però, che l'offerta che arriverà a Trigoria sia dai 15 milioni in su. Sinora molti sondaggi, richieste d'informazioni ma l'unico club che ha realmente fatto un passo ufficiale è stato lo Zenit. Né la proposta tantomeno la destinazione ha allettato prima la Roma e poi il calciatore. E allora si è tornati al punto di partenza: Paredes piace a Spalletti', può rimanere'. Tuttavia nonostante i miglioramenti palesati nell'Empoli di Giampaolo, Leo non corrisponde all'identikit cercato dall'allenatore toscano. Inevitabile la ridda di voci: prima la Juventus dietro l'Empoli, poi il Milan (che nel frattempo è vicino a Bentancur) e il Liverpool. Ora l'ultima vuole il Leicester disposto a garantire 20 milioni. Fosse così a Trigoria non ci penserebbero un attimo. La sensazione, invece, è che per Paredes (titolare ieri contro il Latina) ancora non sia arrivata l'offerta giusta. La possibilità che possa disputare il preliminare di Champions contro il Porto (magari mettendosi ulteriormente in evidenza) e poi accasarsi altrove, è alta. Lucio però è stato chiaro: se parte l'ex Boca, ne vuole un altro pronto. Che non può essere Diawara nell'ottica del tecnico, considerando che la ricerca riguarda un palleggiatore di qualità alla Pizarro. Il nome quindi è il solito, Borja Valero, sul quale l'agente Camano ha fatto calare il silenzio, portandosi però dietro tanti dubbi: «La Roma? Non devo dire nulla in merito. Il ragazzo è della Fiorentina, la vicenda è chiara. Il club conosce la situazione, non devo parlare io», le sue parole a Tuttomercatoweb. 

INTRIGO DIAWARA - Con il passare del tempo, convince sempre meno invece il tira e molla su Diawara. L'unica cosa certa è che il calciatore non rimarrà a Bologna e che il club rossoblù ha fissato il prezzo (15 milioni) per la sua cessione. Un giorno il calciatore è ad un passo dalla Roma (pronta ad inserire Sadiq, richiesto anche dal Crotone), un altro (come ieri) è vicinissimo al Napoli (14+1), dopo che il centrocampista ha rifiutato di trasferirsi all'Aston Villa che aveva addirittura superato (15 milioni più 2 di bonus) le richieste del Bologna. E intanto il tempo passa, con la squadra di Donadoni che pensa ad altro (preso Dzemaili) e Diawara, in ottica Roma, appeso (ufficiosamente) alla cessione di Paredes. Capitolo cessioni: Gyomber va a Pescara, Skorupski torna ad Empoli mentre Torosidis ha mercato in Spagna e Inghilterra (ma va convinto), Ricci verso l'Atalanta. Nonostante le rassicurazioni pubbliche anche Iturbe è sul mercato. A Trigoria cercano una soluzione per l'argentino ma vogliono un club che sia disposto a garantire un prestito oneroso e l'ingaggio pagato. In Spagna c'è il Malaga che più volte si è mostrato interessato. Difficile però che possa esaudire entrambe le richieste della società giallorossa.

Fonte: Il Messaggero - Carina

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom