Rassegna Stampa

Parte il Garcia-ter oggi tutti a Trigoria sognando Dzeko

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-07-2015 - Ore 10:10

|
Parte il Garcia-ter oggi tutti a Trigoria sognando Dzeko
REPUBBLICA - FERRAZZA - Comincia questa mattina la terza stagione di Garcia alla guida della Roma. Appuntamento per tutti entro le 9 a Trigoria per sottoporsi alle annuali visite mediche e per conoscere i nuovi metodi lavorativi dello staff tecnico scelto da Pallotta e supervisionato da Norman. Un gruppo guidato per il ventitreesimo anno da Francesco Totti, privo dei giocatori impegnati a giugno con le varie nazionali (Torosidis, Manolas, Romagnoli, De Rossi, Florenzi, Nainggolan, Pjanic, Ljajic, Doumbia), con un solo volto nuovo, quello di Iago Falque, e un assente in attesa di rinnovo: Keita. Il centrocampista del Mali potrebbe aggregarsi ai compagni in occasione della tournée in Australia, visto che non ha ancora firmato un rinnovo pronto da tempo (e, che, tra l’altro, ha avuto anche lui un impegno con la nazionale). Nella lista dei 26 sono compresi, oltre a Castan e Strootman, anche i giocatori che sembravano sul piede di partenza, vedi Destro e Gervinho, con quest’ultimo che, a detta di Sabatini, ha alla fine deciso di restare nella capitale. E a Pinzolo, con molta probabilità, si sorbirà il malumore dei tifosi.
Il diesse romanista, l’altra sera, a Perugia, ha fatto una piccola ammissione su Dzeko. «Non è vicinissimo, ma pensiamo che sia un giocatore giusto per la Roma». Questa volta più che un depistaggio, sembra davvero un’apertura verso un obiettivo importante, considerato piuttosto oneroso (soprattutto l’ingaggio) per le casse giallorosse, ma è l’attaccante capace di accendere l’entusiasmo della gente. Intanto Sabatini continua a lavorare anche sul fronte dei terzini: e sembra stia in queste ore molto in contatto con il Torino per Darmian. Ma con il Chelsea, oltre che monitorare la questione Salah , il dirigente romanista starebbe trattando l’esterno sinistro Filipe Luis , ventinovenne brasiliano che però non sarebbe ceduto per meno di una quindicina di milioni.

Fonte: Repubblica - Ferrazza

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom