Rassegna Stampa

Per l’Italia è già vietato sbagliare

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-09-2016 - Ore 07:17

|
Per l’Italia è già vietato sbagliare

IL TEMPO - PIERETTI - Da stasera si fa sul serio. In palio contro Israele (diretta tv RaiUno ore 20.45) i primi tre punti per la qualificazione alla fase finale dei Mondiali russi del 2018. Dopo il deludente esordio in amichevole contro la Francia, il ct Ventura affronta il primo esame sulla panchina della Nazionale.

Per l’occasione torna a disposizione Bonucci; in difesa confermato il blocco juventino - oltre al giocatore viterbese ci saranno Barzagli e Chiellini per schermare al meglio la porta di Buffon. Sugli esterni il ct conferma Candreva sulla destra, dall’altra parte Florenzi sembra essere favorito su De Sciglio e Antonelli. Parolo, Verratti e Montolivo dovrebbero presidiare la mediana con Pellé e Eder in attacco. «Basta col passato - afferma Ventura allontanando lo spettro di Antonio Conte - non voglio più parlare dell’Europeo, non voglio più sentire paragoni con quello che è stato; d’ora in avanti inizia una nuova strada, ci sono gli stessi giocatori ma anche persone diverse. Le idee sono chiare - continua il commissario tecnico - dobbiamo capire per caratteristiche dei nostri avversari quali possano essere le scelte migliori di formazione: contro Israele non conta la bellezza del gioco, ma unicamente il risultato».

Tre punti contro Israele per partire nel modo migliore, in un raggruppamento che vede l’Italia opposta anche a Spagna, Albania, Macedonia e Liechtenstein. «Conosco poco Israele - ammette Ventura - la differenza la farà la prestazione del collettivo, sia per quanto riguarda loro, sia per noi. Credo nelle qualità dei miei giocatori, nella loro voglia di migliorarsi ulteriormente. Quello che è stato fatto contro la Francia era figlio della grande disponibilità dei giocatori, un tentativo di applicare nuove indicazioni metabolizzate nei primi tre giorni in cui abbiamo cominciato un percorso: devo dire che i ragazzi sono stati bravi a provarci. Ora mi aspetto un ulteriore passo in avanti e sono convinto che qualora ci fosse un miglioramento, arriverebbe anche un risultato positivo».

L’impegno non è dei più semplici, l’avversario nasconde diverse insidie ma la Nazionale potrà contare sul ritorno in campo di Bonucci che sembra aver risolto i suoi problemi familiari. «Entriamo in una sfera molto privata - sottolinea Buffon - ma sapendo che le cose stanno andando per il verso giusto siamo molto felici per lui. Bonucci è arrivato in ritiro col suo solito entusiasmo, con la sua serietà e la consueta voglia di trasmettere le motivazioni giuste per affrontare una gara importante. Di qui in avanti si fa sul serio, quindi dovremo trovare la spinta giusta per fare la nostra partita. Ventura? È arrivato nel posto giusto al momento giusto - conclude Buffon - ha una grande conoscenza calcistica, fa un lavoro meticoloso, non c’è nulla di improvvisato. È molto bello lavorare con un allenatore che ti spiega ogni situazione».

Altre gare - Nelle prime partite di qualificazione di ieri l’Inghilterra ha battuto la Slovacchia grazie a un gol di Lallana al 95’, pareggia la Polonia in Kazakistan (2-2) dopo essere stata in doppio vantaggio, successo di misura della Danimarca con l’Armenia. Norvegia-Germania 0-3, doppietta di Mueller e rete di Kimmich.

Fonte: IL TEMPO-PIERETTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom