Rassegna Stampa

Per le squadre romane è il momento di rialzarsi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-11-2014 - Ore 08:45

|
Per le squadre romane è il momento di rialzarsi

Non è proprio carico di sano ottimismo, il momento che il calcio capitolino vive negli ultimi tempi. La Roma sembra avere smarrito uno dei suoi punti di forza, la serenità dell’ambiente, qualche stridente distonia nei rapporti tra il tecnico e qualcuno dei suoi pretoriani, qualche pettegolezzo mediatico, le ammissioni di un portiere che prima si chiama fuori da ogni responsabilità, poi opera un riconoscimento di paternità sulle colpe per quel pareggio russo all’ultimo tuffo, tuffo che per altro non c’è stato. In realtà, di giustificabile si può rilevare solo l’amarezza di Strootman, che è stato inutilmente mandato al massacro, da parte di Garcia un messaggio di incoraggiamento che si è rivelato disastroso.

Poi perfino la parentesi dello strip club, per fortuna il capitano non si è fatto mettere in mezzo, auspicabile che per domani l’armonia venga recuperata, perché arriva l’Inter e Mancini non è stato mai un cliente comodo per i giallorossi, anche se la serata europea ha lanciato segnali allarmanti sulle risorse attuali dei milanesi.

 

 

Prospettive sicuramente più confortanti per la Lazio, che ha l’occasione per recuperare in fretta il terreno perduto dopo l’incidente di percorso di Empoli e la delusione per gli schiaffi incassati contro la Juventus, senza mostrare reazione. Di colpo tuttto il buon lavoro di Pioli è stato messo in discussione, ma arriva in soccorso un calendario che più promettente non potrebbe essere, a cominciare dalla trasferta di stasera, quando i romani saliranno al Bentegodi per confrontarsi con il convinto impegno del Chievo di Maran, terzultimo in classifica. Un ostacolo non facilissimo, ma neanche terribile, sarà necessario partire con il piede giusto per questo trittico così ricco di attrattive, perché poi le successive avversarie saranno il Parma, che sembra ormai vicino alla rottamazione e poi l’Atalanta, lontanissima dal rendimento della stagione scorsa. Obbligatorio evitare passi falsi, il terzo posto è ancora a portata di mano.

Fonte: Il Tempo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom