Rassegna Stampa

Pjanic, sale la pressione

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-05-2014 - Ore 08:00

|
Pjanic, sale la pressione

 James Pallotta, ieri intorno all’ora di pranzo, accompagnato dal fido Alex Zecca e da Sean Barror, direttore commerciale della Roma, ha raggiunto lo studio Tonucci dove ad aspettarlo c’erano il dg Mauro Baldissoni e il ceo Italo Zanzi. Più tardi al gruppo si è unito anche il ds Walter Sabatini. E così, intorno a un tavolo, si è radunato tutto lo stato maggiore della Roma. Per programmare il futuro del club, rinnovi di contratto compresi, alla luce della qualificazione per la Champions. Ma non solo: il gruppo di lavoro si è occupato anche di sponsor, marketing e di stadio. Intorno alle 15 e mezza, il gruppo si è spezzato in due tronconi: Pallotta e i suoi collaboratori statunitensi sono rimasti in centro, Baldissoni, Sabatini e Barror sono andati a Trigoria dove, tra gli altri, c’era Rudi Garcia.

 

Che, a proposito di Pjanic, durante la conferenza-stampa delle 13,15 era stato eloquente, e sicuro: «Lui vuole restare, il presidente vuole tenerlo e quindi credo che verrà trovato un compromesso», il virgolettato del francese. Rudi continua a essere quanto mai fiducioso sulla permanenza di Pjanic a Roma («Ho parlato con lui, so quello che vuole»). Chissà. Non v’è dubbio che l’argomento Pjanic sia stato al centro della riunione dello stato maggiore della Roma. Il presidente Pallotta arrivando venerdì mattina a Ciampino era stato chiaro («Dipende da lui»): come dire, la nostra offerta l’abbiamo fatta, è un’offerta importante ora tocca al giocatore. «Chi ha detto che Mire andrà via martedì?», ha detto ancora Garcia, come se volesse, a nome della società, minacciare una sorta di muro contro muro tra le parti.

 

Il club, è noto, è intransigente anche perché sa che firmare un contratto oltre il tetto dei 3,2 milioni netti l’anno stuzzicherebbe il desiderio di altri giocatori (Benatia e Gervinho su tutti) di rivedere i loro accordi. E a Trigoria si vuole evitare accuratamente il rischio di un effetto domino. La Roma vuole confermare Miralem, ma aspetta un segnale anche dal giocatore; intanto sta lavorando per colmare parte della differenza tra offerta e richiesta attraverso i diritti di immagine che verrebbero lasciati al bosniaco. Ma il nodo premio Champions è quello più complicato da sciogliere. Oggi allo stadio dovrebbe esserci Michael Becker, l’agente di Pjanic (che secondo alcune fonti già ieri avrebbe incontrato Sabatini) con il potente padre di Miralem. La sensazione è che siano ore decisive per il futuro (o meno) di Pjanic a Roma.

 

STILE FERGUSON
Se il rinnovo del bosniaco tarda ad arrivare, quello di Garcia – materialmente – non è stato ancora affrontato. Intanto il francese, che non ha fretta, continua a spedire messaggi di assoluta serenità alla società. «Sono l’allenatore della Roma e sono fiero di essere qui. Ho sentito parlare Pallotta: sarebbe un onore restare qui a lungo e vincere la metà di quello che ha vinto Ferguson», il suo intervento sull’argomento nella conferenza-stampa. In questo caso, il discorso rinnovo appare molto più semplice rispetto a Pjanic: contratto fino al 2017, stipendio raddoppiato (2,5 milioni netti) e tutto a posto.

Fonte: Il Messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom