Rassegna Stampa

Pjanic scopre il fascino del cannoniere. E Luis Enrique prova a tentarlo

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-11-2015 - Ore 06:26

|
Pjanic scopre il fascino del cannoniere. E Luis Enrique prova a tentarlo

GAZZETTA DELLO SPORT - CECCHINI - Bravo sì, ma per camminare sulle acque Miralem Pjanic ancora non si era attrezzato. La piscina calcistica del Dall’Ara non ha certamente aiutato il talento bosniaco a offrire il meglio del proprio repertorio tecnico, ma la rete segnata su rigore nella ripresa lo ha santificato come il capocannoniere stagionale giallorosso con 8 gol: 6 in campionato e 2 in Champions League. Quanto basta non solo per consolidare il suo primato personale di segnature nella Roma, ma anche per andare all’assalto del record assoluto che lo riguarda, rappresentato al momento delle 11 reti realizzate a Lione nel 2009-2010. 
Lui e Luis D’altronde, il talento di Pjanic già in Francia era evidente e così nel 2011, quando la Roma a stelle e strisce varò la sua prima stagione, l’acquisto del centrocampista da parte dei giallorossi fu segno di qualità. Non a caso, un allenatore innamorato del bello come Luis Enrique aveva scelto proprio l’allora 21enne bosniaco come uno dei leader del nuovo corso. Non sorprende perciò che domani sera al Camp Nou sarà proprio Miralem, che ha mantenuto un gran feeling con l’allenatore del Barcellona, sarà un osservato speciale. 
TENTAZIONE BARçA Da tempo infatti si dice che la società catalana sia pronta a fare una mega-offerta alla Roma per tentare di sedurre Pjanic, cercando di costruirgli addosso quasi il ruolo di nuovo Xavi, dopo che l’ex leader del centrocampo «blaugrana» ha scelto di chiudere la sua carriera lontano dai fasti del Barcellona. Com’è noto, dopo la sanzione della Fifa da gennaio il club catalano potrà tornare a operare sul mercato, anche se di sicuro i giallorossi non pensano affatto di accettare offerte a stagione in corso. Le cose potrebbero cambiare eventualmente in estate, se ci fossero necessità di bilancio e, soprattutto, se la proposta che arrivasse dall’altra sponda del Mediterraneo fosse almeno pari a 40 milioni. Intendiamoci, Pjanic a Roma sta benissimo e dopo il rinnovo del suo contratto (ora in scadenza nel 2018) anche l’ingaggio è arrivato a essere da top player (con i bonus, circa 4 milioni a stagione) 
STILE CATALANO Ma il fascino del Barcellona è grande e così non meraviglia che, in un’intervista rilasciata nel maggio 2014, lo stesso Pjanic abbia detto: «Io al Barcellona? Con così tanti buoni giocatori sarebbe facile intendersi in campo. Al loro stile di gioco, come ho fatto nella Roma di Rudi Garcia, mi adatterei molto bene. È là che potrei dimostrare il meglio delle mie qualità. Non sarebbe una cattiva destinazione sia come città sia come clima...». Certo, troppo presto per immaginare la partita di domani come una passerella verso il futuro, ma di sicuro una garanzia di spettacolo per i tanti che saranno allo stadio, fra cui circa tremila tifosi giallorossi. Il sogno di tutti è quello di passare il turno a braccetto con i padroni di casa e per farlo tanto passerà dalla vena del bosniaco, signore dei calci piazzati e maestro degli assist. Facile scommettere che i palati fini dei tifosi del Barcellona potrebbero gradire. 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - CECCHINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom