Rassegna Stampa

Quando l’amico era un nemico

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-12-2013 - Ore 08:09

|
Quando l’amico era un nemico

Ci sono, a Trigoria, tre giocatori che in passato hanno indossato la maglia della Juventus, avversaria della Roma alla ripresa del campionato domenica 5 gennaio. Si tratta di Morgan De Sanctis, Federico Balzaretti e Marco Borriello. L’ultimo in ordine di tempo ad aver giocato in bianconero è stato proprio l’attaccante napoletano, arrivato agli ordini di Antonio Conte in prestito dalla Roma nel gennaio del 2012. Al suo attivo 13 presenze impreziosite da due reti, la prima a Cesena. Da segnalare che Borriello venne accolto in maniera molto polemica dai tifosi della Juve per via del suo rifiuto nell’estate del 2010. «Borriello mercenario senza onore né dignità», lo striscione esposto dagli ultrà juventini il giorno del suo debutto, 8 gennaio dell’anno scorso. Un’esperienza non indimenticabile, tanto è vero che la Juventus non ha mai minimamente pensato di tenere Borriello anche per la stagione successiva.

FEDERICO IL GRANATA
Quando Balzaretti, svincolato dal Torino, firmò per la Juventus, estate del 2005, a Torino scoppiò un mezzo putiferio con gli ultrà granata che si sentirono traditi e che ancora oggi fischiano sonoramente il terzino ogni volta che mette piede all’Olimpico torinese. Con la Juve, guidata da Fabio Capello, collezionò 28 presenze (4 in Champions League) vincendo lo scudetto poi revocato per Calciopoli. L’anno successivo si ritrova in serie B e vince il campionato da protagonista e segnando contro il Crotone il suo primo gol in bianconero, nella vittoria contro i calabresi (5-0). Si ripete contro l’AlbinoLeffe. Tutto questo, però, non gli valse la conferma e con la Juventus di nuovo in A lui prese la strada di Firenze per 3,8 milioni di euro firmando un contratto quadriennale con la società viola, e trovando come allenatore Cesare Prandelli.

IL GIOVANE MORGAN
De Sanctis mise piede a Torino, sponda bianconera, nell’esatte del 1997, che era poco più di un ragazzino, a 20 anni. Proveniva dal Pescara, dove l’aveva scoperto Luciano Moggi, pronto a pagare 1,5 miliardi di lire pur di acquistare quel promettente portierino. Con la Juventus Morgan ha esordito in serie A, nel dicembre del 1998, in casa contro la Lazio (0-1). Complessivamente, per lui tre presenze nella massima serie A e una in Coppa Italia. Nell’estate del 199) il trasferimento all’Udinese, altro club dai colori bianco e neri, dove è rimasto 9 anni.

Fonte: Il Messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom