Rassegna Stampa

«Qui Ameri…» Quel fascino di un calcio antico. Ora va ritrovato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-10-2014 - Ore 07:53

|
«Qui Ameri…» Quel fascino di un calcio antico. Ora va ritrovato

« Il calcio italiano non si rinnova e questa ne è l’ennesima dimostrazione. Perché alla fine anche il calcio è politica»: sono le parole di un grande campione come Paolo Maldini insignito pochi giorni fa del premio Liedholm. La domanda che gli era stata posta riguardava la tormentata vicenda dei vertici della Figc , ma credo che possa valere per moltissimi aspetti di questo sport che amiamo. Domenica passata ad esempio, in uno scontro al vertice, tre episodi molto dubbi sono andati nella stessa maniera di sempre. 

Parafrasando Maldini: nel calcio italiano nulla cambia, nel calcio italiano tutto è politica. Nei paesi anglofoni si dice l’incumbent (quello che detiene il titolo, o un ruolo economico di primazia) è sempre avvantaggiato rispetto al challenger (lo sfidante). Quest’anno la Roma è uno sfidante affamato e, per serietà e progettualità, incute più paura di quindici o trent’anni fa. 

Fermo restando quindi il massimo rispetto per tutti gli arbitri – che da essere umani possono sbagliare in buona fede – forse sarebbe il caso di fornire loro qualche aiuto elettronico oltre che la ridicola bomboletta. Chi ama il calcio deve spingere in questa direzione e chi ha una responsabilità politica deve attivarsi in ogni maniera evitando magari di prodursi in grottesche interrogazioni parlamentari. 

Questa settimana però c’è stato anche altro. Non voglio fingere una maturità che non mi appartiene o fare il nostalgico, ma credo che per la mia generazione la frase «…a te la parola Ameri …» abbia una capacità evocativa rara. Per me ha il sapore del pranzo della domenica, il fruscio di un coltello che sbuccia una mela e l’aroma del caffè che si diffonde nel soggiorno della casa dei miei nonni. Mio nonno Antonio era un grande appassionato di sport e la domenica la passavamo insieme con un vecchio apparecchio nero a transistor: la radio in Italia è nata il sei ottobre di novanta anni fa, più o meno come mio nonno, che da qualche mese è scomparso. Il calcio e lo sport in generale devono moltissimo alla radio ed a trasmissioni meravigliose come 90° minuto. Programmi fatti da giornalisti appassionati ed esperti capaci di raccontare un pallone anche allora tutt’altro che immune da scandali (dalle scommesse al doping) e nel quale gli episodi di violenza o i grossolani errori arbitrali erano altrettanto frequenti. 

Fonte: LA GAZZETTA DELLO SPORT - L.Di Bartolomei

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom