Rassegna Stampa

Radja è il re di Roma. E con Riana e Aysha fa festa tutta la famiglia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-12-2014 - Ore 08:15

|
Radja è il re di Roma. E con Riana e Aysha fa festa tutta la famiglia

Quanto può durare un’esultanza? Non parliamo della sensazione che resta dentro a galleggiare finché il tempo non comincia a raccontare altre storie. No, parliamo dell’euforia, delle braccia alzate, della voglia di ballare che costringe i piedi a muoversi. Ecco, a casa Nainggolan, in meno di 24 ore, l’impressione è che abbiano scoperto il segreto della gioia più lunga del mondo.

 

 
UNA TRIBU’ CHE BALLA  Prima Riana, poi Radja, infine Aysha. Tre nomi di cinque lettere che moltiplicate per le rotazioni di un pallone diventano lo specchio di una rivoluzione, cioè di Roma che ci crede ogni giorno di più. Ad aprire le danze è stata Riana , gemella del centrocampista giallorosso per nascita e vocazione: calciatrice. La ragazza sabato ha segnato il primo gol italiano con la maglia della Res Roma, aprendo le porte alla prima felicità familiare conclusasi col messaggio «motivazionale» del Ninja: «Bravissima, ma adesso segnane altri». Intanto, a ora di pranzo, a tener calda l’euforia del gruppo familiare ha pensato Gabbiadini, con la sua rete che ha inchiodato la Juve sul pari.Poi è toccato a lui, a Radja, con quella mezza giravolta volante che avrà fatto venire la cresta per la preoccupazione anche ad Agnelli. Ma la scena più bella è arrivata dopo, quando all’intervallo della partita col Genoa – appena dopo la rete del papà – la piccola Aysha ha improvvisato un piccolo show subito postato su Facebook da mamma Claudia. Alle spalle della bimba un albero di Natale, davanti alcune renne di peluche, fuori campo le voci che cantano: «Olelé Olalà Radja Nainggolan, Radja Nainggolan». E Aysha canta, si intimidisce, balla, ri-canta, santificando il fine settimana più bello che la famiglia potesse immaginare.

LA LUNGA SFIDA Con questa onda d’affetto, l’euforia del guerriero è lampante. «Siamo entrati in campo sapendo del pari della Juve e non potevamo fallire – dice il belga di origine indonesiana, a un passo dal suo primato di gol italiani (4) -. Vincere era importantissimo per rimanere in scia e ce l’abbiamo fatta. Lavoriamo duro per arrivare primi e lo stiamo dimostrando. Il campionato è lungo. Loro fanno la loro strada, noi la nostra. Manca ancora tanto e ce la giochiamo, siamo a -1 e speriamo di continuare così. Peccato che alla fine abbiamo mollato un po’, sprecando tanto. Il pubblico ci ha messo in difficoltà. Non si giocava più a calcio. Ogni mezza cosa era fallo. Poi c’era nervosismo perché loro sono rimasti in 10 per quasi tutta la partita, ma pensavano di recuperarla. Noi comunque abbiamo gestito tranquillamente». In serata Radja ha commentato via Twitter anche con l’ex compagno Benatia, a cui ha fatto notare il gol con tre emoticon con occhiolino e lingua fuori. Poi è andato a cena con Totti e altri compagni.
REGALO CAGLIARI E adesso l’inerzia ansiogena torna tutta sulle spalle della Juve, attesa proprio dalla ex squadra di Nainggolan. «Il Cagliari costruisce tanto, speriamo ci faccia un bel regalo». Un regalo coi baffi, anzi con la cresta. Come quella di Radja: «Mi piace essere particolare e poi porta anche bene. Speriamo continui». I sintomi ci sono tutti. D’altronde in casa Nainggolan l’esultanza è ormai una questione di famiglia.

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom