Rassegna Stampa

Riapre la scuola Spalletti: via alle lezioni specifiche

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-01-2016 - Ore 06:37

|
Riapre la scuola Spalletti: via alle lezioni specifiche

LA GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - I centrali da una parte, i terzini dall’altra. Il marchio di fabbrica delle esercitazioni difensive di Luciano Spalletti si è visto a Trigoria fin da giovedì: nella prima partitella diretta dal tecnico toscano, in una squadra c’erano Torosidis e Digne (Maicon ha fastidio al ginocchio e si limita a fisioterapia e lavoro in palestra), nell’altra Manolas e Rüdiger, e con ogni probabilità saranno loro domani a comporre la linea difensiva contro il Verona. 
SEMPLICITÀ - Spalletti sa perfettamente che in pochi giorni non può stravolgere le abitudini di un reparto abituato a giocare bloccato, a marcare nel senso più puro del termine, che aveva poche indicazioni e neanche troppo giuste, (vedi Florenzi a saltare su Pogba). Per questo, insieme a Domenichini e Baldini, gli uomini che più di tutti si occupano di addestrare i difensori, ha deciso di dare soltanto poche e semplici nozioni ai calciatori. Tempo di lavorare, considerando che per un mese la Roma non avrà impegni infrasettimanali, ce ne sarà, intanto per domani massima attenzione alle palle inattive e al fuorigioco. 
BEL CALCIO - D’altronde, Spalletti fin dalle prime battute rilasciate da Miami, è stato chiaro: «Dobbiamo tornare a giocare bene a calcio perché in Italia si gioca bene, molte squadre sono corte, sanno pressare e fare il fuorigioco», ha spiegato, facendo già intuire cosa si aspetta dalla sua Roma. Sul mercato la società sta cercando due difensori, un esterno e un centrale, nel frattempo dovrà lavorare col materiale a disposizione, facendo di necessità virtù visto che né Manolas né Rüdiger sanno impostare l’azione come, ad esempio, facevano in tempi più o meno recenti Benatia e Chivu, per non parlare di Marquinhos, che nel Psg ogni tanto si diverte a fare il centrale di centrocampo. C’è pure Castan, che ha i piedi migliori di tutti, in pratica l’allenatore ha bisogno di vederlo lavorare con continuità per capire se tornare a dargli fiducia. 
LA SVOLTA - Il lavoro che Spalletti ha impostato ma, per forza di cose, entrerà nel vivo dalla prossima settimana, non riguarderà solo la difesa, ma tutti i giocatori, chiamati a fare un blocco unico. I vuoti tra i reparti hanno rappresentato uno dei problemi più grandi della Roma di Garcia, che ha incassato Tra campionato e Champions League, 38 reti in 25 partite, di cui 22 in campionato. Tante, considerando che le squadre che precedono i giallorossi ne hanno prese 15 (Napoli e Juve), 12 (Inter) e 19 (Fiorentina). Un lavoro tattico importante, quello che aspetta Spalletti, per nulla spaventato però. Intanto, a vederlo in questi giorni parlare spesso con Manolas, una certezza sembra esserci: è cambiato tutto, a Trigoria, ma il difensore greco è sempre il leader del reparto. A maggior ragione ora che, da neo papà, sorride pure di più. 

Fonte: La Gazzetta dello Sport - Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom