Rassegna Stampa

Rimpianto Frosinone: "Ibarbo era nostro"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-09-2015 - Ore 08:05

|
Rimpianto Frosinone:

IL TEMPO - CORTINA - «Stiamo entrando pian piano nell’ottica della Serie A, dobbiamo fare in fretta, ma bisogna concedere ancora un po' di ambientamento alla squadra». È quasi un mantra quello che viene ripetuto in questi primi giorni di Serie A a Frosinone e il diesse Marco Giannitti non fa eccezione.

Il dirigente ha parlato a 360° di questo avvio di stagione, ha confermato che la gara con laRoma sarà una sfida monumentale, ma anche questa fa parte del percorso di entrata nella massima serie e non si dovranno fare drammi nel caso dovesse arrivare un'altra sconfitta. «Ricordatevi il Sassuolo due anni fa, - ha detto Giannetti - tutti lo davano per spacciato e poi alla fine si è salvato».

Poi il direttore sportivo ha risposto a chi, in maniera un po' affrettata, già storce la bocca di fronte alle sconfitte: «Questa è una squadra che deve lottare fino all'ultima partita per la salvezza, non dimentichiamoci di quello che abbiamo fatto negli ultimi due anni».

Qundi un bilancio sul mercato Giannitti si è detto soddisfatto, sottolineando che «cercavamo un portiere dopo l'uscita di Pigliacelli e abbiamo preso Gomis. Castillo sta bene e può diventare un patrimonio, Tonev vi stupirà».

Poi su Ibarbo: «Avevamo l'accordo, non era un'idea campata in aria, ma ci siamo scontrati con una serie di problemi legati alla proprietà del cartellino e poi quando si presentano squadre come il Watford non puoi competere».

Stellone ha detto stop al mercato? Giannitti risponde no. «Abbiamo chiuso il mercato e non c'erano altri profili che avrebbero potuto fare al caso nostro, noi stiamo dando continuità ad un progetto nato due anni fa e siamo perfettamente in linea». Ora tocca a Stellone.

Fonte: IL TEMPO - CORTINA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom