Rassegna Stampa

Roma, a pranzo con Totti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-12-2013 - Ore 08:09

|
Roma, a pranzo con Totti

 Totti c’è. Va in panchina ma torna dopo neppure due mesi ed è un mezzo miracolo. Garcia è sicuro che «vedremo undici lupi sul campo», Pallotta ha caricato il gruppo, Sabatini ha ricevuto le rassicurazioni in vista del mercato nelle lunghe riunioni di ieri col presidente a Trigoria. Balzaretti ha la pubalgia e potrebbe servire un terzino: D’Ambrosio oggi verrà tenuto fuori dal Torino e si avvicina.

 

Segnali incoraggianti in vista di Roma-Fiorentina. Alle 12.30 all’Olimpico la partita degli ex e un bivio per i giallorossi dopo quattro pareggi di fila, l’allungo della Juve a + 6 e l’aggancio fallito dal Napoli ieri sera. Il capitano si è allenato a pieno ritmo per tre giorni e dopo pranzo è arrivato l’ok: convocato, ma non può giocare dall’inizio come vorrebbe (e come ha confidato a Montella). In attacco dovrebbe esserci Ljajic, lui che conosce alla perfezione i difetti della difesa viola. Garcia è pronto a concedergli un’altra chance per sfruttare la sua velocità nel contropiede contro la spregiudicata Fiorentina. Altrimenti c’è Borriello recuperato. Destro? In panchina al fianco di Totti, «ma ora è guarito – assicura Rudi – e può aiutarci».

 

Il francese è più tirato del solito. Ha letto e ascoltato le prime critiche, specialmente dopo Bergamo. «Quando faccio una scelta per me è sempre buona, dopo è facile cambiare idea. Ho solo delle persone da convincere e sono i miei giocatori, gli altri non sono importanti. I segnali delle ultime partite sono positivi, dobbiamo giocare come l’ultima mezzora a Bergamo e segnare più gol: così vinceremo». Oggi non c’è altra strada e Garcia lo sottolinea.«Prima voglio vincere, poi spero che vedremo uno spettacolo interessante. Roma e Fiorentina fanno tanti gol, ma il calcio è strano e può uscire anche un brutto 0-0».

La Juve scappa, Rudi fa il disinteressato. «Non importa il risultato degli altri. Della Juve mi preoccuperò solo il 6 gennaio quando ci giocheremo contro ed è ancora lontano». Il mini-ciclo con viola, Milan e Catania sarà la preparazione, aspettando il richiamo di quella atletica durante le feste. Per adesso Garcia ha eliminato le doppie sedute. «È più da 5 mesi che la squadra si allena – spiega – non abbiamo bisogno ora di fare due sessioni. A Bergamo negli ultimi 30 minuti abbiamo giocato alla grande, quindi stiamo benissimo».

La forma degli arbitri, invece, è sempre scadente «ma bisogna aiutarli di più con la tecnologia come accade nel rugby» è l’auspicio di Garcia che i potenti del calcio non ascoltano. Pallotta ne sa qualcosa: la moviola negli sport americani è ormai legge. E il tutto è sempre vissuto con ben altra serenità. Per spezzare la sacralità della conferenza il «burlone» di Boston si è improvvisato giornalista e ha chiesto a Garcia se stavolta intende seguire l’intera partita a bordo campo visto che è già stato espulso due volte[...]

 

Fonte: Il Tempo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom