Rassegna Stampa

Roma, attacco allo Scudetto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 31-10-2015 - Ore 07:23

|
Roma, attacco allo Scudetto

IL MESSAGGERO - ANGELONI - L’attacco al cuore dello scudetto non può che passare dallo stadio Meazza in San Siro. La Roma visita l’Inter, che a quel tricolore crede in uguale misura, almeno così dà a vedere. Stasera, la prova di forza è per entrambe: chi vince dà un segnale alle altre, o forse a una sola, il Napoli. I giallorossi, con i tre punti in tasca, si convinceranno definitivamente di essere la squadra più forte del campionato; i nerazzurri, vincendo, capiranno se il gruppo avrà compiuto quel passo che ti trasporta dal limbo al paradiso. Una sfida più importante per l’aspetto psicologico che non di classifica, anche se staccare Mancini per Garcia non sarebbe certo cosa da buttare via. 
DIVERSITÀ FISICHE - La Roma gioca in tanti modi, l’Inter in uno solo. A Firenze s’è vista la doppia faccia dei giallorossi: prima molto offensivi, pressing e ritmo alti, poi la ripartenza, che una volta si chiamava contropiede, figlio del catenaccio. Ma la palla è sempre a terra. L’Inter propone un calcio molto fisico, fatto di corsa e sostanza, con davanti un centravanti killer e una seconda punta di qualità, abile nell’andarsi a cercare spazi e colpire, in questo sono bravi sia Jovetic sia Ljajic. Il risultato è che Roma e Inter sono il miglior attacco del campionato (venticinque reti) e la migliore difesa (appena sette gol subiti). Si ripetono gli stessi numeri della vigilia di Fiorentina-Roma, con i viola che avevano ancora la porta inviolata al Franchi prima della sconfitta firmata Salah-Gervinho. Roma e Inter sono gli opposti un po’ in tutto: la squadra giallorossa segna più di tutte in trasferta, dieci i gol fin qui, l'Inter è invece la squadra che subisce di meno in casa, appena tre reti. Mentre la Roma è la formazione del campionato con più giocatori andati a rete, 12 (13 con Torosidis in Champions League), l'Inter è riuscita a mandare in gol solo 5 calciatori, peggio ha fatto solo il Bologna con 4.
L’INCUBO SALAH - Molto dipenderà dalla presenza o meno di De Rossi, che ha fatto di tutto per recuperare dai fastidi muscolari ma lui stesso lamenta di non avere un allenamento sulle gambe. Ieri ha lavorato con il gruppo, ma non è al meglio e dopo l’Inter, Daniele non avrà tempo per rifiatare perché arriva il derby, poi il Leverkusen e il doppio impegno con la Nazionale. Se alla fine Garcia dovesse decidere di mandarlo in campo, Florenzi si abbasserebbe a destra, puntando così sullo stesso undici che ha sconfitto la Fiorentina. Una squadra capace di attaccare e difendere, con il sacrificio di Gervinho, Dzeko e Salah. Proprio l’egiziano dovrà essere l’arma in più dopo il turno di riposo per squalifica. Mohamed torna a San Siro dopo la vittoria dello scorso anno con la maglia della Fiorentina: Montella lo manda in campo nella ripresa al posto di Babacar e lui segna il gol decisivo. Mancini è senza la personalità di Melo e con il dubbio Kondogbia. La Roma dovrà essere brava a chiudere le fasce (Jovetiv e Perisic) e ripartire con i suoi esterni, lanciati dalle sponde di Dzeko, che gioca spesso alla Totti. La cerniera dovrebbe essere al sicuro, sia con De Rossi sia senza: Nainggolan o eventualmente Florenzi garantiscono corsa e copertura. Il terzino destro potrebbe essere anche Torosidis, ma qui conta preservare pure Maicon da ricadute mentali. Dopo la bella prestazione con l’Udinese, il brasiliano si aspetta di giocare, specie se non ci sarà De Rossi. Tutto sembra scontato. Ma di solito, è un’illusione.

 

 

Fonte: Il Messaggero - Angeloni

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom