Rassegna Stampa

Roma, Baldissoni nuovo direttore generale

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-07-2013 - Ore 08:00

|
Roma, Baldissoni nuovo direttore generale

L'avvocato prende il posto lasciato vacante da Baldini. Florenzi intanto si schiera al fianco di Osvaldo: "E' un grande, lo terrei sempre". Poi si dice entuasista di Garcia, Maicon e Strootman: "Il tecnico è bravissimo e gli ultimi arrivati hanno classe e carisma"

ROMA – Era nell’aria, ora è ufficiale. A prendere il posto di direttore generale della Roma, lasciato vacante a giugno da Franco Baldini, sarà Mauro Baldissoni. Legale di riferimento della cordata americana che, capeggiata dal presidente James Pallotta, ha acquistato da UniCredit il pacchetto di maggioranza, dal 2011 ricopriva il ruolo di consigliere d’amministrazione. L’investitura a nuovo incarico rinnova ulteriormente l’organigramma del club giallorosso che già nel dicembre scorso aveva accolto l’arrivo di Italo Zanzi come nuovo amministratore delegato.

GIANNINI, FERRARIS IV, MONTELLA E NELA NELLA HALL OF FAME – Un’altra investitura importante nello stesso giorno in cui la Roma ha ufficialmente aperto le porte della propria Hall of Fame ad altre 4 leggende giallorosse: Attilio Ferraris IV, Giuseppe Giannini, Vincenzo Montella e Sebastiano Nela. Il numero dei calciatori eletti nella ristretta cerchia sale così a quota 15: lo scorso anno era toccato ad Aldair, Amadei, Bernardini, Cafu, Bruno Conti, Di Bartolomei, Falcao, Losi, Pruzzo, Rocca e Tancredi.

OSVALDO LO TERREI SEMPRE – Sul fronte campo, invece, oggi ha parlato Alessandro Florenzi che ha spezzato una lancia a favore di Osvaldo, anche ieri contestato da un gruppetto di tifosi durante l’amichevole di chiusura del ritiro in Trentino con il Bursaspor: ”Anche se contestato, io lo terrei sempre. Osvaldo è una grandissima persona, con noi ha un ottimo feeling. Sarebbe una grave perdita per la Roma”.

GARCIA COME LUIS ENRIQUE – Il centrocampista dell’Under 21 si è detto piacevolmente colpito dal nuovo allenatore. ”Garcia è bravissimo. Parla tanto con la squadra e vuole tanto da noi. Quando serve è duro, ma quando c’è da scherzare è il primo. Le differenze con Zeman? Vuole meno verticalizzazioni e più possesso palla”.

MAICON E STROOTMAN HANNO CARISMA –Florenzi ha, infine, parlato bene anche degli ultimi arrivati: ”Maicon è un vincente, e lo ha notato tutto il gruppo. Ha molta personalità, carisma. Strootman ha un grandissimo piede sinistro, è ben strutturato fisicamente, forte personalità. Non dimentichiamo che è diventato capitano del Psv a soli 23 anni. Ha veramente un grande futuro davanti a sé. Jedvaj? Speriamo tutti che possa ripercorrere le orme di Marquinhos. A proposito di Marcos mi è dispiaciuto che sia andato via visto che faceva parte di un bel gruppo che avevamo creato. Ma ognuno cerca il meglio per sè e quindi sono contento per lui”.

Fonte: Repubblica.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom