Rassegna Stampa

Roma, conta vincere

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-09-2015 - Ore 07:16

|
Roma, conta vincere

IL MESSAGGERO - TRANI - C'è da inquadrare solo il successo, stasera a Marassi contro la Sampdoria di Zenga e in fondo al tunnel del turno infrasettimanale. E' l'unico risultato che conta per cancellare in fretta i dubbi venuti a galla dopo il pari inquietante di domenica contro il Sassuolo all'Olimpico. La Roma, migliorata in estate con alcuni innesti nei ruoli scoperti, non si può permettere di lasciare andare in fuga l'Inter, buttando altri punti sulla strada che porta allo scudetto. Garcia, chiamato in causa sia dentro che fuori Trigoria per le scelte fatte nell'ultima giornata del torneo, deve prendersi la responsabilità di inviare all'ambiente, perplesso e improvvisamente sfiduciato, il segnale più rassicurante possibile, dimostrando di avere di nuovo il controllo della situazione che, almeno nel weekend scorso, gli è chiaramente sfuggito.

DENTRO I TITOLARI Sarà, forzatamente, ancora turnover. Se è stato eccessivo e di conseguenza dannoso quattro giorni fa contro il Sassuolo, 6 cambi (solo quello del portiere comprensibile), diventerà invece obbligatorio e, si spera, anche efficace contro la Sampdoria. Di sicuro più semplice, grazie ai forfait di Ruediger e Totti: con meno uomini a disposizione, diminuisce anche la probabilità di perseverare. Non è più tempo di equivoci e contentini. Spazio ai titolari: i terzini Florenzi e Digne, il regista Keita, il centravanti Dzeko e l'ala tattica Iago Falque, lasciati a riposo già alla quarta giornata e senza un perché. Nuova, dunque, mezza squadra, anche se poi sono sempre possibili le sorprese tra le quali la più scontata, quando Garcia è in viaggio, rimane sempre il pupillo Gervinho, utilizzato dal primo minuto nelle precedenti 2 trasferte (in casa non è presentabile: il pubblico lo fischia solo a sentirlo nominare dallo speaker). La rotazione, stavolta al contrario, serve per ricominciare da zero o quasi. Perché questa è la notte della chiarezza, in cui ritrovare la Roma che, pur con sistemi di gioco diversi, ha dato garanzie sia in campionato contro la Juve che in Champions contro il Barça, cioè contro le prime due d'Europa. L'identità, perduta anche per la rinuncia inspiegabile a troppi titolari, è fondamentale per il gioco, sparito nelle trasferte di Verona e Frosinone, prima del flop di domenica pomeriggio. E giova anche alle riserve, per non stonare quando entrano a far parte del coro.

PREPARAZIONE E MERCATO A rendersi conto di quanto le alternative non siano all'altezza dei titolari è stato Garcia. Lo ha ammesso dopo la partita contro il Sassuolo, bocciando gran parte degli uomini chiamati in campo per il turnover. La critica è stata indirettamente rivolta al nuovo preparatore Norman, voluto a Trigoria da Pallotta che gli ha assicurato la piena autonomia nell'organizzazione del lavoro quotidiano. Il francese, insomma, deve fare l'allenatore e basta, addestrando i giocatori e mettendoli in campo. Così ha bocciato la risposta atletica di chi è subentrato. Contemporaneamente ha, però, messo in discussione anche alcuni acquisti. Non solo dell'ultimo mercato estivo, anche altri del passato. Il riposo concesso a Digne e l'ingresso forzato di Torosidis è stato il messaggio inequivocabile al ds Sabatini. Il terzino destro titolare sulla corsia sinistra e il mancino Emerson Palmieri escluso pure dalla lista dei 23 (qui ci sarà, ma per mancanza di interpreti). Dietro ai punti fermi, insomma, le seconde scelte non sono pronte (sia fisicamente, quelli arrivati tardi; sia tecnicamente, altri non all'altezza dei titolari). L'allenatore ha messo in piazza quelli che sono per lui i problemi attuali. Per non essere l'unico capro espiatorio. O magari per chiedere pazienza. Alla società e alla gente.

 

Fonte: Il Messaggero - U.Trani

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom